Agguato a Reggio Calabria: il movente non sarebbe stato il pentimento dell’ex boss Giuseppe Greco

Secondo quanto si è appreso, Giuseppe Greco, ricoverato agli “Ospedali riuniti” di Reggio Calabria, non sarebbe in pericolo di vita

polizia notteIndagini in corso sui tragici fatti di stamani a Calanna. Secondo le prime indiscrezioni, l’agguato di stamani sarebbe legato a fatti recenti, e non alla decisione di Giuseppe Greco di collaborare con la giustizia. Tra l’altro al momento non è sicuro chi fosse il vero obiettivo dell’agguato se lo stesso Greco o Domenico Polimeno, l’uomo che è rimasto ucciso. Polimeno era ospite nella casa di Greco:  si tratta adesso di capire perché il pentito ospitasse l’uomo morto e che “collaborazione” tra i due c’era da un punto di vista criminale. Secondo quanto si è appreso, Giuseppe Greco, ricoverato agli “Ospedali riuniti” di Reggio Calabria, non sarebbe in pericolo di vita.