Aeroporto dello Stretto, la FIT Cisl chiede un immediato piano di rilancio

Aeroporto dello StrettoI Segretari Generali Regionale e Provinciale della FIT Cisl Calabria, Annibale Fiorenza e Giuseppe Larizza sollecitano un sempre più convinto percorso partecipativo per dare slancio a:
Un immediato piano di rilancio dell’Aeroporto dello Stretto e della Società di Gestione:
Sulla questione Aeroporto dello Stretto e sulla SOGAS S.p.A., la Politica e gli Enti Istituzionali coinvolti, finalmente, appaiono orientati verso una responsabile discontinuità con il recente passato. Questo è quanto emerge dall’ultimo incontro svoltasi sabato 23 aprile 16. Un nuovo approccio che, da sempre sollecitato e auspicato dalla FIT CISL, dirano le nubi che si erano addensate nelle ultime settimane e ci porta a guardare con positività alle immediate possibili soluzioni per le problematiche da affrontare e superare dando certezze di futuro per i servizi volativi e per il lavoro. In quest’ottica, senza dare nulla per scontato e apprezzando le nuove volontà degli Enti soci, continueremo a incalzare gli stessi rivendicando una sempre più consapevole esigenza di fare squadra e agire con sinergia progettuale e tempestività attuativa degli atti. Atti necessari per la ricapitalizzazione e per più stabili assetti societari. Adempimenti per gli investimenti da fare sia per la nuova aerostazione e prioritariamente per i servizi d’integrazione strutturale e dei servizi di collegamento atti a garantire la piena accessibilità dell’aeroporto sia alle comunità dell’Area dello Stretto e sia della neo Città Metropolitana, ricordando ad esempio che, l’Aeroporto Tito Minniti, è uno dei pochi scali e l’unico tra quelli calabresi, attraversato dalla linea ferroviaria e quindi pronto a essere servito da dedicati servizi ferroviari. È nell’interesse della collettività e nel rispetto della dignità dei lavoratori che continuano, con responsabile abnegazione, a svolgere il loro lavoro nonostante il mancato salario degli ultimi quattro mesi, ristiamo a sollecitare impegno, abnegazione e lungimiranza, della classe politica e istituzionale, nella gestione della cosa pubblica.
Ciò detto, la FIT CISL è pronta a fare la sua parte di competenza per affrontare e risolvere l’insieme delle problematiche della SOGAS che, a oggi limitano, la funzione, la strategicità e quindi il futuro dell’infrastruttura aeroportuale e della stessa Città Metropolitana. Una entità sociale e infrastrutturale che oltre a evitare il rischio di una possibile procedura fallimentare della società di gestione, deve predisporsi a acquisire tutte le peculiarità finanziarie e strutturali per restare ancorati nel “Piano Nazionale degli Aeroporti” e per farlo è necessario costruire, con immediatezza, i percorsi, gli interventi e gli investimenti necessari per il raggiungimento degli obiettivi prefissati dallo stesso Piano che lo include tra “i trentotto aeroporti d’interesse nazionale”. Continuare a dilungare i tempi significa voler, irresponsabilmente, pregiudicarne il futuro. In assenza di fatti concreti non resteremo a guardare passivamente.