Acquedolci, indagato il comandante della Polizia Municipale: scatta la sospensione

Il legale di Magrì difende il suo assistito: è certo di poter dimostrare la rettitudine della sua condotta. L’iscrizione nel registro degli indagati al fianco del sindaco, dell’ex segretaria comunale e del responsabile degli affari generali del Municipio di Acquedolci

comandante polizia municipale acquedolci magrìIl comandante della Polizia Municipale di Acquedolci, Giovanni Magrì, è stato sospeso dall’incarico in relazione a un’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Patti che lo vede iscritto nel registro degli indagati accanto al sindaco Ciro Gallo, al responsabile dell’area affari generali del Comune Carmelo Orifici e all’ex segretaria comunale Maria Rosa Lucchino. Le ipotesi di reato contestate a vario titolo spaziano dalla ricettazione, al falso e alla truffa. Il legale del comandante, l’avvocato Giuseppe Mancuso, ha affermato che il suo assistito si ritiene parte offesa nel processo: egli “è certo di poter agevolmente dimostrare la sua perfetta buona fede e la sua estraneità alle accuse”.