A Punta Pellaro (Rc) l’iniziativa “la Punta del Rispetto” [VIDEO]

Punta PellaroIl 22 aprile di ogni anno si festeggia in tutto il mondo la “Giornata della Terra”, data simbolo che dal 1970 ad oggi ci ricorda la tenacia della biologa Rachel Carson, la prima a lanciare un allarme mondiale sulla gravità dell’inquinamento da pesticidi che stava “silenziosamente” allargandosi a macchia d’olio in tutto il globo terrestre. La sua “Primavera silenziosa”, libro che denunciava a chiare lettere come l’uso dell’agricoltura intensiva e della chimica stavano uccidendo il mare e l’ambiente, è stato il documento attraverso il quale le coscienze mondiali si sono risvegliate. Dal 1970 ad oggi infatti il 22 aprile è festeggiato da tutti coloro che hanno a cuore il futuro dell’ambiente in cui vivono; quel giorno difatti all’ONU ben 165 paesi hanno firmato l’accordo Cop21 contro il riscaldamento globale. Oltre a personaggi che ricoprono incarichi pubblici, c’è la gente comune che ama l’ambiente, la propria terra e ci tiene ad omaggiarla nel migliore dei modi con attività che risvegliano il senso civico in memorie un po’ troppo assopite. Anche l’associazione sportiva NewKiteZone, assieme a Legambiente, all’Istituto comprensivo Cassiodoro-Don Bosco, con il supporto della cooperativa  Espedia, Misafumera, ProLoco Bocale, Obiettivo Pellaro, ha voluto omaggiare la Terra con un’iniziativa mirata soprattutto alla salvaguardia della spiaggia e del mare di Punta Pellaro, zona in cui l’associazione ha sede nautica. “La Punta del Rispetto”, questa l’iniziativa lanciata dal presidente del circolo velico NewKiteZone Agostino Martino, è riuscita a coinvolgere con grande partecipazione una squadra di pulizia spiaggia supportati dall’AVR. Guanti, cappello e sorrisi e quasi per gioco i ragazzi apprendono come raccogliere e differenziare, la plastica dalla carta, i residui che il mare nel suo inverno ha depositato sulla spiaggia di Punta Pellaro e quelli che spesso, purtroppo, vengono abbandonati dall’inciviltà di alcuni altri. Un messaggio importante di riscatto ed ambientalismo, che ha coinvolto con entusiasmo i ragazzi dai 10 ai 14 anni, i quali accompagnati in questa esperienza dai loro insegnanti hanno potuto testare con mano quanto con solo un po’ più di rispetto e sensibilità si possa fare per tutelare la spiaggia e il mare che così tanto amano. Giornata che ha dato spazio a momenti di educazione ambientale e l’eco-sostenibilità che esalta proprio quella forma di solidarietà che si concretizza in momenti ed iniziative come queste e che  coinvolgono il mondo dei piccoli, il nostro futuri prossimo, ma non solo. La mattinata volge al termine anche con una sorpresa per i 60 ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa, un kite, un grande aquilone, si libra in cielo per far volare la fantasia e premiare il loro impegno e a quello degli altri partecipanti. Divertimento e soddisfazione prendono la scena in questa mattinata di sole al NewKiteZone. Una primavera reggina tutt’altro che silenziosa… risate e abbracci a testimonianza che siamo tutti fratelli di un’unica grande madre. Si rientra a casa con una consapevolezza in più: la Terra ha nuovi, piccoli ma grandi, difensori: chi la ama.

Stefania Esiliato