A Palmi (Rc) il Service Distrettuale Lions “emergenze cardiologiche: importanza del defibrillatore”

Un defibrillatoreVenerdì 29 Aprile dalle 17,00 si svolgerà a Palmi presso la Casa Della Cultura “L. Repaci”, il Service Distrettuale Lions “Emergenze cardiologiche: importanza del defibrillatore.” In un contesto territoriale in cui la Sanità non è presente in maniera efficace, dove sono operativi i progetti di Pubblico accesso alla defibrillazione, (cosiddetti Pad) che comprendono uno o più defibrillatori e un numero di persone addestrate ad usarli, la sopravvivenza è aumentata dallo 0-5% fino al 70%. Numerosi gli interventi che si alterneranno nel corso dell’incontro, moderati dal cerimoniere Lions Club Palmi Carmelo Ciappina e dal segretario Lions Club Palmi Domenico Minasi. I saluti iniziali giungeranno dai rappresentanti delle diverse realtà associative ed istituzionali: il presidente del Lions Club di Palmi Giovanni Barone, il presidente Leo Club Palmi Gianmarco Oliveri, il presidente dell’ VIII circoscrizione Distretto 108YA Ferdinando Iacopino, il Past Governatore Lions Distretto 108 Y Armando Veneto, l’assessore alla Sanità del Comune di Palmi Giuseppe Saletta, il sindaco di Palmi Giovanni Barone, il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Palmi Francesco Napoli, il vice presidente dell’Ordine dei Medici di Reggio Calabria Giuseppe Zampogna, il presidente della Società Sportiva “Golem Volley Palmi” Roberto Recordare e il presidente della Società Sportiva “U.S. Palmese 1912” Giuseppe Carbone. Interverranno: il responsabile distrettuale “Service emergenze cardiologiche e presidente Onlus “Amici del Cuore” Rosario Ortuso, il responsabile dell’VIII Circolo service emergenze cardiologiche Giovanni Calogero, l’amministratore Posytron Enginering Alberto Muritano, Monsignor Don Silvio Mesiti e il presidente Commissione Antidoping Ministero della Salute Giuseppe Capua. Concluderà il cavalier Antonio Fuscaldo, Governatore Lions Distretto 108 YA. Negli scorsi anni l’associazione “Onlus Amici Del Cuore” ha presentato il progetto “Vita i cuori di Palmi”, che verrà rilanciato nel corso dell’incontro. In Italia ogni anno l’arresto cardiaco colpisce circa 60.000 persone e solo intervenendo tempestivamente ed efficacemente entro i primi minuti con le manovre di rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione cardiaca si possono salvare molte vite umane. Le innumerevoli iniziative soprattutto negli ultimi anni, stanno contribuendo a diffondere la cultura dell’emergenza sensibilizzando l’opinione pubblica a tutti i livelli. L’auspicio è che disponendo una rete di defibrillatori nei luoghi più frequentati, Palmi possa diventare una “città cardioprotetta”. Le recenti leggi che obbligano tutte le società sportive a dotarsi di questo prezioso strumento salvavita, rappresentano una svolta fondamentale per combattere la morte improvvisa in questo settore.