A Messina lo spettacolo “Un thè-tango per Evita”

La storia di Evita Peròn sarà raccontata sulle note del tango e “nell’attesa di un thè” domani sabato 16 aprile al PalAntonello, all’interno della Stagione Concertistica dell’Accademia Filarmonica di Messina

foto un thè tango per EvitaIl racconto di Evita Peròn terrà banco sabato 16 aprile alle ore 21, al Palacultura di Messina, insieme all’immortale musica di Astor Piazzola, re del tango argentino, all’interno della Stagione Concertistica dell’Accademia Filarmonica di Messina. Sulle note del tango, EVA PERÒN organizza un thè-tango e, aspettando gli ospiti, illustra la storia della sua vita, rievocando personaggi storici, amori, compagni, avventure, speranze tra dialoghi, canzoni e tanghi. Il tango, quindi, farà da colonna sonora all’intero spettacolo “Un thè-tango per Evita” che vede in scena un cast di tutto rispetto, formato da attori-ballerini di fama internazionale, rinomati tangueri come l’acclamata attrice, ballerina e cantante FATIMA SCIALDONE che interpreta Evita mentre LUCIANO DONDA, campione italiano di tango 2012, vestirà i panni di Juan Peròn. Con loro sul palco, EDUARDO MOYANO (Augustin Magaldi), LAURA GRANDI (Libertade Lamarque), MARIANO NEVONE (Astor Piazzolla) al bandoneon, e al pianoforte GIOVANNI VON GARTNER (Edoardo Santos Discepolo). Sarà una grande serata di Tango con una performance fatta di Musical di prosa intensa, melodie toccanti e tango sensuale, dedicata ad una leggenda argentina, una grande donna che difendeva i diritti umani. L’evento fa un’unica tappa in Sicilia, con protagonisti sorprendenti di altissimo livello.

Al Thè Tangò di Evita, troviamo il suo amico e musicista Enrique Santos Discepolo al pianoforte, Astor Piazzolla con il suo bandoneòn, il Generale Juan Peron, Agustin Magaldi, cantante di origine italiana, che a soli 14 anni, circuendola, la portò via dal suo paese verso Buenos Aires, promettendole un futuro da attrice e Libertade Lamarque, attrice in auge della grande borghesia argentina. Il Thè Tangò finirà al levarsi della luna, tra tanghi battute e milonghe e man mano gli ospiti torneranno alle loro “fredde dimore”. Così, tra un pensiero del passato e uno sguardo al cielo del futuro, Evita scomparirà tra le note cantate di un ultimo tango nella notte eterna, sicura della sua immortalità e dell’amore dei suoi descamisados. Lo spettacolo, presentato a l’Isola del Cinema – Roma, con il Patrocinio dell’Ambasciata Argentina. A luglio 2012, in occasione della celebrazione dei 60 anni dalla scomparsa di Eva Peron, ha debuttato in prima nazionale il 3 e 4 Agosto 2012 per l’Estate Romana nella rassegna FontanonEstate al Gianicolo. Sono seguite altre repliche sempre sotto il patrocinio di varie istituzioni con progetto di Spettacolo e milonga in palco.