25 aprile, il sindaco di Lampedusa: “L’Olocausto oggi è nel Mediterraneo”

“Fare il sindaco a Lampedusa è un’impresa l’isola è una scheggia nel mare, ma ha salvato 300mila persone e ha 5.800 abitanti”

migranti (2)Sulle note di ‘Bella ciao‘ si è tenuto a Milano il tradizionale corteo per le celebrazioni del 25 aprile quest’anno ‘dedicate’ ai fronti relativi a quella che è stata definita la Resistenza di oggi: il Mediterraneo, le frontiere. Il sindaco Giuliano Pisapia, i candidati sindaci del centrosinistra e centrodestra Beppe Sala e Stefano Parisi, e il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, hanno sfilato per le vie del centro in una manifestazione, alla fine, senza incidenti di rilievo tranne qualche contestazione, non nuova sulla piazza milanese, alla Brigata ebraica. In migliaia si sono riservati in Piazza del Duomo per le celebrazioni finali.

“L’Olocausto oggi è nel Mediterraneo“, dice Giusi Nicolini dal palco della manifestazione. “Fare il sindaco a Lampedusa è un’impresa – spiega – l’isola è una scheggia nel mare, ma ha salvato 300mila persone e ha 5.800 abitanti. Da sola – aggiunge – ha dato il primo abbraccio ai naufraghi. Se vogliamo che i profughi diventino cittadini vanno accolti perché non è dai barconi che arriva il terrorismo“. La prima accoglienza è la base per la fratellanza secondo Nicolini, che conclude ringraziando Milano “per il suo grande spirito di accoglienza“.