Taormina (Me), il premio “Custodi della Bellezza” a Moncef Ben Moussa

Va al direttore del Museo del Bardo di Tunisi il riconoscimento dedicato a Khaled al-Asaad

PremioIl premio “Custodi della Bellezza” sarà assegnato al direttore del museo del Bardo di Tunisi. Il vincitore, proclamato dall’archeologo Sebastiano Tusa, sarà Moncef Ben Moussa, conservatore e direttore del Bardo National Museum di Tunisi che il prossimo 4 giugno riceverà a Casa Cuseni, il riconoscimento dedicato alla memoria di Khaled al-Asaad, trucidato per difendere la storia, l’arte e l’identità del suo Paese. Alla conferenza stampa sono intervenuti Francesco Spadaro, direttore di Casa Cuseni e presidente della giuria del Premio; Mario D’Agostino, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Taormina; il direttore artistico di NaxosLegge Fulvia Toscano, membro del Comitato scientifico di Casa Cuseni e componente della giuria; la scrittrice Marinella Fiume, membro del comitato scientifico di Casa Cuseni e componente della giuria del premio; Paolo Patanè, direttore generale CUNES (coordinamento Comuni Unesco della Sicilia); Giuseppe Nuccio Iacono, museologo, coordinatore regionale dell’Associazione Nazionale Case della Memoria e componente della giuria; Sebastiano Tusa, archeologo e soprintendente del mare e l’archeologa Maria Grazia Vanaria del Parco archeologico di Naxos e Taormina. “Con questa iniziativa – afferma il Giuseppe Nuccio Iacono – Casa Cuseni non è più solo un luogo privilegiato dalle arti, dove si tutela e si conserva la Bellezza ma diventa un simbolo al centro del ‘mondo mediterraneo’, da sempre crogiuolo di arti e crocevia di culture. Diventa di fatto ambasciatrice di un messaggio culturale dall’altissimo valore universale. Da questa Casa della Memoria dove la Cultura e la Bellezza si rivelano, il nome del premiato Moncef Ben Moussa rappresenta un segno di speranza e di progresso culturale”. “L’idea di questo Premio – spiegano Adriano Rigoli e Marco Capaccioli, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria – si sposa perfettamente con la filosofia delle attività promosse dalla nostra associazione. Custodire la Bellezza è difendere l’Arte, difendere la Cultura, difendere il Futuro”. Moncef Ben Moussa, parlando del Bardo National Museum di Tunisi, teatro il 18 marzo 2015 del barbaro attentato terroristico da parte dell’ISIS, ha detto: “Il museo è stato attaccato perché è il simbolo della storia millenaria della Tunisia fondata su apertura, tolleranza, interscambio culturale. L’estremismo e il terrorismo approfittano di due cose per estendersi: l’incertezza e l’ignoranza. La nostra unica arma è la cultura e l’educazione per poter lottare pacificamente. Tutta l’umanità è erede di un patrimonio culturale, perché si tratta della storia della civiltà dove l’attore è sempre l’essere umano. Nel mondo della cultura non ci sono barriere, anzi la cultura le cancella e ci permette di costruire ponti là dove non ci sono, di incontrare il prossimo, di arricchirsi dall’incontro dell’altro, soprattutto quando questo è ‘diverso’. Bisogna preservare la memoria, la storia e la cultura dell’umanità affinché tali violenze non si ripetano mai più, per preservare l’essere umano, affinché prevalga sempre il suo lato umano, la ragione”. E, come è stato dichiarato durante la conferenza stampa dall’archeologo Sebastiano Tusa: “per preservare il valore e la memoria della Bellezza e a monito rivolto a tutte le genti, il direttore del Bardo di Tunisi ha deciso di ripristinare le vetrine danneggiate dagli spari ma di lasciare in alcuni punti precisi delle sale i segni delle pallottole”.
Un vero monito per incitare tutti alla riflessione che porti tutti a diventare “custodi della Bellezza”.