Sanità in Calabria, Fil: “invitiamo Oliverio a considerare bene la nomina di un nuovo Direttore Generale”

tagli sanità“Fra pochi giorni scadranno i sei mesi di incarico dei Commissari Straordinari dell’ASP n. 5. Toccherà dunque alla Giunta Regionale la verifica dell’operato e la scelta se confermarli o meno. La FIL, senza voler esprimere un giudizio di merito, non può però fare a meno di notare che da più di un decennio si aspetta un cambiamento di “sistema” per uscire da una crisi che sembra insuperabile. Parliamo di sistema perché, a nostro avviso, non sono più sufficienti le “pezze” a colori che i vari D.G. succedutisi hanno cercato di mettere per impedire l’emorragia di risorse e competenze che hanno provocato l’attuale situazione deficitaria della sanità calabrese”, scrive in una nota Giuseppe Martorano, segretario generale del Fil. “Sull’incapacità del Commissario Scura e del suo vice Urbani di favorire un reale cambiamento -prosegue la nota-  ci siamo già espressi inviando una comunicazione alla Deputazione Calabrese e ai Consiglieri Regionali, ognuno per le proprie competenze (30 Settembre 2015), chiedendone la revoca e palesando per primi i timori, oggi ripresi da buona parte della classe politica calabrese che la nostra Regione fosse trattata come una “colonia” romana; così come, per primi, avevamo manifestato il nostro scetticismo sull’utilità di super consulenti pagati a peso d‘oro e sull’operato di società di revisione che, nei fatti, hanno dimostrato di non esser capaci di risolvere i problemi annosi della sanità. Per questo invitiamo il Presidente Oliverio a considerare bene la nomina di un nuovo Direttore Generale: servono persone davvero preparate, motivate, ma soprattutto capaci di intervenire a normalizzare processi e sviluppi che sono fuori controllo da troppo tempo; serve una mentalità aziendale che forse va rintracciata in Manager con esperienza non solo pubblica, ma d’impresa, cresciuti professionalmente con la mission del raggiungimento degli obiettivi”, conclude.