Reggio, un momento di memoria delle vittime calabresi delle mafie è stato vissuto questa mattina in piazza Castello

MafieUn momento di memoria delle vittime calabresi delle mafie è stato vissuto giovedi mattina, in piazza Castello, davanti alla installazione “Mnemosine” (fiori della memoria), dagli studenti di alcune classi dell’Istituto comprensivo De Amicis-Bolani, insieme all’associazione “Il Pesce rosso”, “Pagliacci Clandestini” e il coordinamento reggino di Libera. In particolare nello 11° anniversario della sua tragica scomparsa è stato ricordato, alla presenza del padre Pietro Polimeni, il giovane Daniele Polimeni e la sua coraggiosa mamma Anna Adavastro, la quale non aveva mai smesso di chiedere verità e giustizia per il figlio, attraverso un manifesto funebre affisso in occasione della tragica ricorrenza. Anche quest’anno, lo stesso manifesto è stato affisso per proseguire il cammino che i genitori di Daniele avevano tracciato. A scandire l’intero appuntamento la lettura, da parte dei giovani studenti, dei nomi di tutte le vittime innocenti della ‘ndrangheta.