Reggio, scarcerato uomo accusato di sequestro di persona e maltrattamenti

Il Gup di Reggio Calabria in accoglimento dell’istanza avanzata dal difensore di fiducia di B.S., Avv. Mariella Vizzari del Foro di Reggio Calabria, sostituiva la misura della custodia cautelare in carcere a carico dello stesso, imputato tra l’altro di sequestro di persona e maltrattamenti, con altre misure meno afflittive della libertà personale

aprire porte del carcereCon provvedimento depositato in data 30.03.2016 il Gup di Reggio Calabria in accoglimento dell’istanza avanzata dal difensore di fiducia di B.S., Avv. Mariella Vizzari del Foro di Reggio Calabria, sostituiva la misura della custodia cautelare in carcere a carico dello stesso, imputato tra l’altro di sequestro di persona e maltrattamenti, con altre misure meno afflittive della libertà personale. Il B. S. era sottoposto alla misura intramuraria dal 30.09.2015, ed anche in virtù del tempo trascorso il GUP ha ritenuto attenuate le esigenze cautelari, sostenendo che le stesse siano salvaguardabili applicando cumulativamente allo stesso misure meno restrittive della libertà personale con opportune prescrizioni. In particolare si precisa che al B.S., tra l’altro, è stato applicato l’obbligo di dimora in due comuni, Comune di Scilla e Comune di S. Roberto, in quanto la frazione di residenza (Melia) si trova sul confine di detti Comuni, per come richiesto e specificato dalla difesa. Il B. S. uscito dalla casa di reclusione “Sergio Cosmai” di Cosenza intende rispettare scrupolosamente tutti gli obblighi e le prescrizioni impartitegli, e ringrazia tutti gli amici ed i parenti che fino ad oggi lo hanno sostenuto in questo particolare periodo della sua vita ed hanno creduto in lui, esternando immensa gratitudine per il lavoro svolto dal proprio legale con grande serietà e professionalità.