Reggio, l’Associazione Polis City: “continuo disagio nel conferire i rifiuti sia dell’indifferenziata che della differenziata”

cassonetti  (2)“Facendo riferimento all’incontro del 10 Marzo, della Commissione di “Controllo e garanzia” al Comune di Reggio Calabria, presieduta dal Consigliere Forza Italia Antonio Pizzimenti, dove l’Assessore comunale all’Ambiente, Antonino Zimbalatti, ha riferito in merito al progetto, di installazione di n. 36 videocamere di sorveglianza che saranno posizionate in città nei diversi centri di raccolta dei rifiuti solidi-urbani, al fine di garantire un controllo di tutto il territorio non interessato dalla raccolta porta a porta”; di cui ne siamo pieni sostenitori al fine di sorvegliare e anche sanzionare quei cittadini che non rispettano le norme, contro ogni atteggiamento di mancato senso civico nel rispetto dell’ambiente e della propria città. Ma è anche vero che i cittadini si trovano ogni giorno ad affrontare un vero e proprio spiacevole disagio dovuto all’impedimento nel conferire i rifiuti sia dell’indifferenziata che della differenziata”, scrive in una nota il presidente dell’Associazione Polis City. “In quanto la maggior parte dei cassonetti posizionati in città – prosegue- non sono muniti di pedaliera, e questo comporta delle difficoltà soprattutto per le persone anziane,che con una mano devono aprire il coperchio del cassonetto e con l’altra depositare la busta dei rifiuti e chi non ci riesce deposita i propri sacchetti a terra. Inoltre è stato sottovalutato un problema molto importante. Quando sono stati posizionati i nuovi cassonetti con le dovute spese affrontate , non si è tenuto in considerazione il fattore igienico sanitario a cui i cittadini sono esposti nell’aprire il coperchio dei cassonetti con le mani nude, con il rischio di incorrere in eventuali infezioni. Pertanto che ben venga la video sorveglianza ma nello stesso tempo, ci permettiamo di suggerire e invitare l’amministrazione comunale di adeguare i cassonetti dei rifiuti munendoli di pedaliera”, conclude.