Reggio, Imbalzano: “buone prospettive per la sanità della provincia”

medico Una delegazione di Amministratori della provincia reggina , guidata dal capogruppo di “Area Popolare – NCD” al Comune di Reggio Pasquale Imbalzano è stata ricevuta a Catanzaro dal Vice Commissario alla Sanità Calabrese dr. Andrea Urbani, al quale sono state rappresentate alcune delle particolari criticità che assillano la Sanità della ormai prossima Città Metropolitana. All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, il consigliere comunale di Gioia Tauro – delegato ai Servizi Sociali – Nicola Zagarella, leader del Movimento Politico “Città Vivibile” – Area Popolare ed il dr. Vincenzo Mollica, dirigente medico radiologo presso l’ospedale di Locri, profondo conoscitore delle problematiche sanitarie dell’intera Locride e più volte amministratore al Comune di Siderno. Nel corso della riunione, cordiale e costruttiva, sono state approfondite alcune delle emergenze che oggi assillano la provincia di Reggio, con particolare riferimento allo storico deficit di risorse umane, non sempre utilizzate in modo razionale e virtuoso, ed a quello concernente la dotazione di attrezzature ospedaliere, quanto mai necessarie. Si è dato comunque ampio riconoscimento che solo grazie ai sacrifici della stragrande maggioranza del personale sanitario e parasanitario più responsabile, l’intero comparto ha potuto far fronte, sia pure con non poche difficoltà, alla crescente domanda di salute del cittadino. Sia il dr. Mollica che il capogruppo Pasquale Imbalzano si sono soprattutto soffermati sulle ineludibili necessità delle strutture ospedaliere della Locride, dell’Area Grecanica e della stessa Città dello Stretto, sulla quale da tempo grava una domanda quasi insostenibile e che proviene dall’intera provincia, mettendo a dura prova un hub già sotto dimensionato. Sono state messe sotto la lente d’ingrandimento le ormai fin troppo note difficoltà operative dell’Ospedale di Locri, a cui l’ormai imminente Atto aziendale darà significative risposte, ma anche quelle dell’Ospedale di Melito: entrambi, è stato convenuto, svolgono, nonostante alcuni provvedimenti assunti in questi anni, un ruolo insostituibile nei rispettivi Comprensori. Sulle problematicità dell’intera Piana e sul riconoscimento del ruolo ancora oggi assai importante dell’Ospedale di Gioia Tauro, anche alla luce delle gravi difficoltà emerse in questi giorni sui tempi di costruzione del nuovo nosocomio pianigiano, si è soffermato il Consigliere comunale Nicola Zagarella, il quale, anche con riferimento alle sue recenti prese di posizione a favore della struttura ospedaliera della Città del Porto, ha messo in evidenza le ineludibili esigenze dello stesso sito, sempre più strategico per l’intero Comprensorio, anche per la crescente domanda di salute da parte dei marinai che approdano con le loro navi nella megastruttura portuale gioiese, ormai la più importante dell’intero Mediterraneo. Pasquale Imbalzano – nel ringraziare insieme ai presenti, per la disponibilità e la sensibilità dimostrata, il dr. Urbani rispetto alle esigenze rappresentate, alcune delle quali di diretta competenza della nuova triade Commissariale all’ASP di Reggio – ha preso atto insieme a Nicola Zagarella della volontà di razionalizzare e di consolidare la struttura ospedaliera gioiese, che, è stato anticipato, verrà dotata di un nuovo e quanto mai necessario Reparto di Ortopedia nonché di una nuova TAC che presto verrà montata e verrà resa funzionante per venire incontro alle esigenze di salute della Città di Gioia e del Comprensorio pianigiano. Si è altresì preso atto con soddisfazione dell’attenzione crescente con la dotazione di 15 nuovi posti letto rispetto al quadro attuale, segni questi inequivocabili del ruolo dell’ospedale stesso e dell’attenzione verso le criticità che Zagarella ha più volte ribadito e per il cui superamento si batte da tempo.