Reggio, il Sottosegretario di Stato Lotti al convegno sulla riforma costituzionale: “una sfida che può portare l’Italia al livello europeo” [FOTO e VIDEO]

La visita a Reggio del Sottosegretario di Stato Luca Lotti è proseguita, nel corso della mattinata, con la sua partecipazione al convegno “SI a un’Italia Moderna. Riforme costituzionali e referendum: la sfida per un Paese migliore”

luca lotti convegno riforma costituzionale  (15)“Una giornata di riflessione e confronto” quella odierna, come è stata definita dal Sottosegretario di Stato Luca Lotti, oggi in visita a Reggio per visionare dapprima il cantiere del nuovo Palazzo di Giustizia e per partecipare, dopo, ad un convegno incentrato sul referendum previsto per il prossimo autunno sulla riforma costituzionale.

A seguito della sua visita al Palazzo di Giustizia, insieme al sindaco Falcomatà, al presidente del Consiglio Regionale, Nicola Irto e ad altre autorità cittadine, Luca Lotti ha risposto, insieme agli altri ospiti, alle domande poste da Giulia Larosa (Laboratorio da Sud) in merito al tema suddetto.

Il convegno “SI a un’Italia Moderna. Riforme costituzionali e referendum: la sfida per un Paese migliore”, si è svolto nella Sala Federica Monteleone di Palazzo Campanella, alla presenza non solo dell’ospite d’onore del giorno, ma anche di Falcomatà, Irto e del presidente Mario Oliverio.

Ed un SI bello forte e sentito alla riforma arriva dai diretti interessati ai quesiti. Il primo a rispondere è il sindaco Giuseppe Falcomatà: il tema della domanda, la Città Metropolitana, quali saranno le tappe per la sua entrata in vigore, quali le differenze rispetto a prima e quali le prospettive per lo sviluppo del territorio.

“La Città Metropolitana – afferma il primo cittadino di Reggio – rientra nelle riforme del Governo che in qualche modo ci danno l’idea di che tipo di Paese vogliamo realizzare; le Città Metropolitane sono al centro del futuro del nostro Paese, se si pensa che tutte le riforme riportano al centro il ruolo forte del comune e del campanile: il nostro Paese nasce e si sviluppa intorno ai comuni. Il fatto che la legge Delrio – si avvia a concludere, Falcomatàpreveda dieci Città Metropolitane significa che intorno ad esse si sviluppa il futuro del Paese. È forse l’ultima opportunità per il nostro territorio: 97 comuni che lo governano, protagonisti. Da gennaio 2017 tutte le funzioni amministrative saranno pronte per essere avviate, ad oggi c’è un grandissimo dialogo con i sindaci delle aree omogenee”.

luca lotti convegno riforma costituzionale  (2)Prosegue a rispondere il presidente Nicola Irto, in merito a cosa sia stato fatto finora per ridurre i costi della politica, a cosa si stia facendo per rendere la politica ancora più trasparente, e al suo pensiero sulla riforma Boschi in chiave regionale, che da inciso tra le novità più importanti enumera il superamento del bicameralismo perfetto, la riduzione del numero dei senatori, un nuovo sistema per l’elezione del presidente della Repubblica, l’introduzione di referendum popolari propositivi e di indirizzo (e tanto altro).

Irto, nel corso del suo intervento, ricorda e rimarca la presenza del Governo nella nostra Regione, dal premier Renzi ieri a Luca Lotti oggi presso il Palazzo di Giustizia, che va a rappresentare lo sblocco dei finanziamenti ed un riavvio dal punto di vista infrastrutturale. Ed è proprio sulle infrastrutture della Regione che si concentra Nicola Irto: “prima ancora di parlare di sviluppo – dice – dobbiamo pensare a come poterci muovere nella Regione e dalla Regione: c’è bisogno di nuove infrastrutture. L’impegno del Governo in questo esiste, e già si sta pensando alla 106. La Regione ha messo in campo un nuovo impegno per il rilancio aeroportuale, nuove grandi strategie che rientrano nella nuova idea di mobilità e trasporti, e andremo verso la definizione di un piano regionale. Stiamo cercando di ridare credibilità alla politica, in linea con la riforma Boschi. Io condivido l’impostazione di Renzi – chiosa Irtoil quale dice che ci giochiamo la nostra partita sul referendum istituzionale; queste riforme vanno a mettere una pezza su un regionalismo ancorato da anni, ma servirà una forte discussione sul territorio. Le regioni sono arrivate ad un punto che o rinascono o muoiono. Per tutto questo, da me arriva un forte SI per il referendum”.

luca lotti convegno riforma costituzionale  (8)A questo punto del convegno odierno, a prendere la parola è Luca Lotti, che nel fare una valutazione complessiva della riforma costituzionale, ricorda la visita del presidente Renzi di ieri al cantiere della Salerno-Reggio Calabria come “non semplicemente una passerella, ma come apporto di impegni concreti. Il 22 di luglio torneremo per un’altra inaugurazione dell’A3 – continua il Sottosegretario di Stato – ed entro dicembre inaugureremo gli ultimi lavori della Salerno-Reggio Calabria. Abbiamo parlato della Jonica,  della banda larga (la Calabria è disposta ad investire 100 milioni su questa che è un’altra infrastruttura tecnologica importante). Questa mattinata di riflessione sulla riforma costituzionale si inserisce all’interno di un ragionamento che vogliamo fare e che stiamo facendo. La riforma lancia anche una sfida alla Regione, alle competenze tra Stato e regione, che troppe volte davano dei contrasti che duravano nel tempo e non facevano prendere decisioni. La riforma supera anche il bicameralismo paritario. La riforma è un pezzo importante della nostra Costituzione e viene di pari passo la riforma della legge elettorale. Non voglio fare un comizio tutto volto a convincervi del bene di questa riforma – aggiunge Luca Lottivoglio però chiedervi un impegno: raccontare che cos’è la riforma, cosa dice nello specifico, cosa vuol dire superare il Senato, avere un approccio diverso nelle competenze Stato-regione, cosa vuol dire abolire le provincie ed il bicameralismo perfetto”.

luca lotti convegno riforma costituzionale  (10)Il tutto, come si evince dal titolo del convegno, mira alla modernità, o come è stata definita oggi ad una “sfida alla modernità”, che si sente pronto ad accogliere il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, convinto che la riforma costituzionale sia un atto di fondamentale importanza per mettere il Paese al pari con l’Europa, per ridisegnare un’Italia moderna, capace di ridefinire i rapporti ed i poteri tra i diversi livelli istituzionali.

“La prima grande operazione della riforma – parole di Oliverioè il superamento del bicameralismo perfetto. Si ridisegna anche la dislocazione dei poteri tra i diversi livelli dello Stato e si affronta il problema delle funzioni e del sistema delle autonomie locali. È chiaro che le regioni vanno ripensate, ed è arrivato il momento di fare un bilancio su quello che sono oggi. Purtroppo nel corso di 50 anni, le regioni sono state trasformate in mezzo di gestione, piuttosto che di programmazione ed amministrazione: io credo che la riforma apra un terreno nuovo per questa riflessione. Mi impegnerò a fondo affinché la campagna punti sulla partecipazione democratica: io non sono per conservare le cose così come sono, bisogna aprire un grande confronto”.

luca lotti convegno riforma costituzionale  (12)Conclude così Mario Oliverio, lasciando lo spazio all’ultimo quesito rivolto a Luca Lotti: “Perché SI a questa riforma”.

Il Sottosegretario Lotti risponde ribadendo la sfida importante lanciata dalla riforma anche alla classe dirigente, ma non solo. A detta di Luca Lotti, infatti, la sfida si rifà, altrettanto, ai cittadini, chiamati a fare una scelta importante.

“Non si deve votare SI solo perché si tagliano fondi e posti dei senatori – conclude Lottima perché veramente questa riforma è in grado di portare l’Italia al livello dell’Europa, dà credibilità alla nostra politica: non è un referendum pro o contro Renzi”.