Reggio: confisca per 45 milioni a imprenditore del settore immobiliare e della sanità

L’intero patrimonio sottoposto a confisca, stimato in 45 milioni di euro, è costituito da aziende e società, numerosi immobili, autoveicoli e rapporti finanziari

dia-3Il personale della Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria e i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Firenze e di Pistoia, sotto il coordinamento della Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, stanno eseguendo una confisca di beni, ai sensi della normativa in tema di misure di prevenzione, nei confronti di un imprenditore operante, in maniera occulta, nel settore della sanità privata calabrese (gestione di case di cura e centri riabilitativi) e in quello immobiliare (mediante imprese operanti in Toscana ed in Calabria).

dia-3L’intero patrimonio sottoposto a confisca, stimato in 45 milioni di euro, è costituito da aziende e società, numerosi immobili, autoveicoli e rapporti finanziari.

Maggiori dettagli saranno forniti in sede di conferenza stampa che si terrà, alle ore 10:00 del 9 marzo 2016, presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria alla presenza del Procuratore della Repubblica Federico CAFIERO DE RAHO, del Capo Centro D.I.A. e del Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria.