Reggio, città invasa dalla Processionaria: il parere degli esperti su come difendersi [FOTO e VIDEO]

Reggio, la Processionaria è un lepidottero molto pericoloso per uomo e animali e vive sugli alberi di Pino

processionaria (5)La città di Reggio Calabria è invasa quest’anno dalla Processionaria. Come già scritto qualche settimana fa, questo lepidottero è mlto pericoloso sia per gli animali come cani, gatti alla quale il contatto può anche provocare la morte, e sia per l’uomo che una volta a contatto può avere reazioni allergiche o reazioni cutanee con forte bruciore, prurito e presenza di bolle. L’insetto per difendesi, a causa di rumori che lo spaventano, libera nell’aria i peli che ne ricoprono il corpo e che risultano essere molto urticanti.

Importante nella prevenzione è individuare il periodo per effettuare i tagli dei nidi che questi animali costruiscono su varie specie di alberi di Pino.Quest’insetto nelle zone di alta naturalità ha tanti predatori quindi la sua azione è circoscritta, esso raggiunge lo stato di farfalla per circa 2 giorni e prima di morire si sposta dalle montagne alla zone marittime insidiandosi nei Pini.
E’ fondamentale non toccare i nidi con le mani nude e non entrare in contatto con i peli che ricoprono i nidi stessi o addirittura toccare gli insetti. Il periodo più appropriato per effettuare il taglio dei nidi sarebbe il tardo autunno e i primi periodi dell’inverno in cui i nidi dovrebbero essere pieni di Processionaria.

Reggio, Processionaria: l’intervista agli entomologi Francesco Manti ed Elvira Castiglione [VIDEO]