Reggio, attività sospese al Museo Archeologico Nazionale dal 26 al 29 aprile

Osservazione Planetario“Abbiamo salutato l’arrivo della Primavera con una due giorni molto intensa e ben riuscita dedicata alla musica, all’astronomia e alla lirica greca aprendo le porte del Museo alla città di Reggio”. Così il Direttore del MArRC, Carmelo Malacrino, ha commentato l’iniziativa di questo weekend che ha visto coinvolti il Conservatorio “Francesco Cilea”, il Planetario “Pitagora” e il Liceo Classico “Tommaso Campanella”. “Devo ringraziare il Direttore Barillà, la Professoressa Angela Misiano e il Dirigente Scolastico Maria Rosaria Rao, per avere risposto con grande entusiasmo e professionalità al nostro invito - continua Malacrino – per una manifestazione che è stata organizzata in pochissimo tempo. Questo è un segno positivo che testimonia la capacità di fare rete e promuovere la cultura a Reggio Calabria. Sono certo che simili occasioni si ripeteranno con altri enti del territorio, anche su loro iniziativa”. Tra sabato e domenica, Piazza Paolo Orsi e la sala conferenze del Museo, hanno visto esibirsi gli allievi del “Cilea” con musiche di Bach e Kuhlau e gli studenti del Classico che si sono cimentati nella lettura di frammenti di Alceo, Senofane, Anacreonte e altri lirici greci. E poi nella mattinata di domenica i visitatori, ma anche i semplici curiosi a Piazza De Nava, hanno potuto osservare il sole grazie agli esperti del Planetario Pitagora. Sempre nella giornata di domenica, il MArRC ha avuto il piacere di accogliere Columbia Barrosse, Console Generale degli Stati Uniti nel Sud Italia, che assieme al suo staff ha potuto ammirare i Bronzi di Riace e i reperti del Museo, accompagnata dal Direttore del Museo. “Per quanto riguarda l’apertura di tutti gli spazi del Museo – aggiunge Malacrino – ritengo doveroso comunicare con largo anticipo che dal 26 al 29 aprile le attività di Palazzo Piacentini saranno sospese per ovvie ragioni logistiche in vista della cerimonia di inaugurazione e della riapertura prevista per sabato 30 aprile. Giorno 25, festa della Liberazione, benché sia un lunedì, il Museo resterà aperto al pubblico e ai visitatori”. Solo quattro giorni di stop, per poi ammirare di nuovo la collezione completa nei nuovi allestimenti e anche la mostra “Olimpo. Dei ed eroi del mondo greco”, in principio prevista sino a fine marzo e prorogata, invece, sino al 31 di maggio. “Stiamo lavorando alacremente per rendere il Museo pronto per l’inaugurazione. Sappiamo che è un evento molto atteso da più parti e non vogliamo deludere le aspettative degli utenti. Voglio ringraziare - conclude Malacrino - tutto lo staff della struttura che, con grande abnegazione, si sta spendendo per la buona riuscita dell’evento”.