Proposta di legge sull’eliminazione delle barriere architettoniche: incontro a Melito con le associazioni e i cittadini

Riunione abbattimento barriere architettoniche Melito 19 marzo“Sabato 19 marzo presso la sede del comitato civico “Fare per Melito” si è tenuta una riunione con i cittadini e le associazioni per discutere di abbattimento delle barriere architettoniche al fine di arricchire, grazie ai contributi diretti dei cittadini, la proposta di legge “Disposizioni in materia di eliminazione delle barriere architettoniche”, che ci apprestiamo a presentare in Consiglio regionale. La legge che presentiamo vuole favorire la vita di relazione e la partecipazione alle attività sociali e produttive favorendo e migliorando la mobilità urbana e gli accessi ai Palazzi pubblici da parte delle persone con disabilità. Riteniamo fondamentale, in relazione all’importanza della materia trattata, che la presente proposta di legge non venga scritta nel chiuso dei Palazzi ma – per rendere il testo di legge in piena sintonia con le esigenze del territorio e delle persone con disabilità – trovi, prima di essere presentata in Consiglio regionale, una necessaria interlocuzione con chi quotidianamente vive il problema serio delle barriere architettoniche, favorendo così una lavoro sinergico e l’apertura di uno spazio di dialogo tra il Comune, la Regione e le associazioni”, scrive in una nota il consigliere regionale Giovanni Nucera. “L’eliminazione delle barriere architettoniche -prosegue- oltre ad essere un intervento di civiltà, rappresenta un dovere per le istituzioni atto a garantire il pieno svolgersi della vita delle persone con disabilità – e non solo. Un’esigenza prima di tutto di dignità sociale per cittadini che rischiano di essere prigionieri delle proprie case e delle proprie città. Si tratta di costruire una comunità in cui i cittadini disabili possano soddisfare le proprie esigenze di autonomia e di fruibilità in sicurezza di edifici privati e pubblici, nonché degli spazi aperti al pubblico. Ad aprile sono già in programma altri incontri su tutto il territorio con le maggiori sigle associative”, conclude.