Novara, bimba coraggio chiama i carabinieri e salva la mamma siciliana dai maltrattamenti del compagno

La bimba ha chiesto l’aiuto dei carabinieri per aiutare la mamma che sopportava da tempo le violenze e non denunciava per paura di ritorsione nei confronti dei figli

violenza donneE’ stata Elisa (nome di fantasia) a chiamare i Carabinieri del Radiomobile e a segnalare la brutta situazione familiare che stava vivendo da tempo. Elisa ha 15 anni vive a Novara in via Morazzone con la mamma, siciliana di 35 anni, il suo compagno ed altre due sorelle. Piange e al 112 chiede aiuto perché il compagno di sua mamma dà di matto e sta spaccando tutto. Alla pattuglia si mostra uno scenario inquietante: alcune porte sono rotte, schegge di suppellettili sul pavimento e tanta paura per mamma e figlia. In un angolo della cucina c’è Lentini Claudio Raffaele, nato in Germania il 24.10.1973, residente a Novara in via Morazzone già arrestato tempo fa e noto alla forze dell’ordine per essere un tipo violento. Appena ha sentito le sirene giungere sotto casa aveva capito che la storia sarebbe finita quella sera. E’ seduto sul divano con lo sguardo nel vuoto ma appena vede i militari la furia si riaccende urla, grida e prende a calci una porta. A forza viene portato in Caserma. Da sole mamma e figlia si confidano. La situazione familiare era in crisi da tempo, forse a causa del nervosismo dovuto alla perdurante disoccupazione dell’uomo o forze alla sua pessima abitudine di abusare del vino. La mamma non aveva mai denunciato i maltrattamenti per paura di ritorsione nei confronti dei figli. Elisa lo aveva capito e per aiutare la mamma e toglierla dall’imbarazzo ha deciso di chiamare il 112. Lentini è stato allontanato con decreto d’urgenza dalla casa familiare, convalidato e confermato dal GIP di Novara sabato mattina. Per lui le accuse sono di percosse, maltrattamento in famiglia e violenza assistita.