‘Ndrangheta, ucciso a Melbourne noto avvocato reggino: esecuzione in puro stile mafioso

L’uomo è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco mentre stava raggiungendo la propria auto

ambulanzaE’ stato ucciso ieri a colpi di arma da fuoco a Melbourne in Australia, un avvocato, noto esponente della comunità calabrese Joseph Acquaro, di origini reggine. L’uomo stava tornando in auto dalla gelateria di cui era comproprietario nel quartiere di Carlton e il corpo è stato ritrovato riverso vicino l’auto. Joseph Acquaro aveva difeso negli anni diversi boss della locale ‘Ndrangheta fra cui il fratello di Tony Madafferi, esponente di spicco dell’organizzazione che avrebbe offerto 135 mila euro sulla vita dell’avvocato, Frank Madafferi, che si trova in carcere per vari reati. Acquaro aveva perduto il favore di Tony Madafferi, che lo avrebbe sospettato di rivelare segreti a un giornalista, Nick McKenzie, che indagava sull’Onorata Società in Australia. A metà dello scorso anno la polizia aveva avvertito i due che Madafferi stava cercando di far sorvegliare i loro movimenti, ma Acquaro aveva ignorato il consiglio di adottare precauzioni. Avvocato difensore di successo, aveva rappresentato molti clienti accusati di gravi reati, ma non è stato mai indagato dalla polizia per coinvolgimento in attività criminali. Acquaro, 54 anni e padre di tre figli, era stato presidente della Camera di Commercio italiana, era nel comitato del Reggio Calabria Club ed era noto per la disponibilità ad aiutare connazionali a risolvere problemi di famiglia e di affari. Molto legato alla sua terra d’origine, tornava spesso in Italia.