Messina, l’impegno di Bios per l’8 Marzo: ripulita l’isola verde dedicata a Valeria Fazio

I giovani soci si sono occupati della potatura e della scerbatura dell’aiuola. Lembo: facciamo la nostra parte al fianco delle donne

Bios-donna-AISMIn occasione dell’anno europeo della lotta contro la violenza sulle donne e della giornata a loro dedicata l’Associazione Bios si è impegnata nella pulizia dell’isola verde adottata e intitolata alla giovane socia scomparsa Valeria Fazio.

I giovani soci si sono adoperati nell’attività di potatura e scerbatura dell’aiuola,  sita in piazza Vittoria 5/a, con la collaborazione di Legambiente dei Peloritani che ha fornito gli attrezzi da giardinaggio. Alla presenza del segretario provinciale AISM Messina, Giuliana Grillo, è stato, poi, ornato lo spazio verde con piante di Gardenia acquistate dall’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) il cui ricavato è destinato, quest’anno, alla ricerca sulla sclerosi multipla in età pediatrica.

Per Bios la giornata dell’8 marzo è stata un’occasione per sostenere la ricerca e mantenere l’impegno, quasi decennale, negli ambiti di intervento relativi: alla riqualificazione e tutela ambientale, grazie all’attività di scerbatura fatta a mano, senza l’utilizzo di diserbante e con conseguente smaltimento del materiale di risulta in osservanza dei parametri della raccolta differenziata; inclusione sociale e pari opportunità, con il coinvolgimento di giovani con minori opportunità; aggregazione e politiche giovanili, capacità di aggregazione di giovani cittadini, soci e non, spinti dalla motivazione di riqualificare gli spazi comuni; volontariato e ricerca, sentita scelta di finanziare la ricerca sulla sclerosi acquistando dall’Aism le piante di Gardenia destinate all’isola verde.

Il presidente Carmelo Lembo, in riferimento alla giornata dedicata al gentil sesso, ha voluto evidenziare il ruolo che la donna riveste oggi in ambito lavorativo:  “Posso dire ad alta voce di essere molto fortunato, perché ho la possibilità di lavorare a stretto contatto con molte giovani donne e posso affermare con sincerità che la capacità e l’energia che mettono nel lavoro, fa impallidire molti colleghi uomini. Nonostante le grandi capacità espresse esistono tuttora grandi differenze  retributive, le donne manager sono sempre troppo poche e, soprattutto nel nostro Sud tante giovani donne sono costrette a scegliere tra carriera e famiglia per via dell’assenza di servizi e assistenza pubblica. La nostra associazione cerca ogni giorno di fare la sua piccola parte, contribuendo alla lotta contro la discriminazione di genere. Auguri a tutte le donne!”.