Messina, arrestati 4 giovani “bulli” responsabili di sequestro di persona e lesioni

I fatti si riferiscono ad una vicenda di bullismo di inquietante violenza e crudeltà, occorsa nel pomeriggio del decorso ottobre, in un appartato sito aziendale dismesso ricadente nel comune di Patti,  che ha visto un gruppo di minori non farsi scrupolo di “bloccare” un sedicenne

bulli2Nelle prime ore di stamane, gli agenti del Commissariato P.S. di Patti, in esecuzione di un’ordinanza cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale per i Minorenni, su richiesta della Procura della Repubblica presso quel Tribunale Dott. Andrea PAGANO, ha arrestato – collocandoli in apposite comunità alloggio – quattro minori di età compresa tra i 14 ed i 17 anni, residenti nel comprensorio di Patti, ritenuti responsabili dei delitti – posti in essere in concorso tra loro e con le aggravanti di aver commesso il fatto in cinque e più persone nonché in danno di un minore – di sequestro di persona, porto d’oggetto atto ad offendere, tentata violenza privata, minaccia grave e lesioni aggravate in danno di altri minorenni. I fatti si riferiscono ad una vicenda di bullismo di inquietante violenza e crudeltà, occorsa nel pomeriggio del decorso ottobre, in un appartato sito aziendale dismesso ricadente nel comune di Patti,  che ha visto un gruppo di minori non farsi scrupolo di “bloccare” un sedicenne, tenerlo fermo per oltre un’ora (un periodo ricordato come “interminabile” dal malcapitato), onde sottoporlo ad un linciaggio collettivo – presuntivamente sanzionatorio di pregresse condotte dello sventurato, percepite come irriverenti dagli aggressori – che provocava delle fratture al volto della vittima. E ciò avveniva, addirittura, dinnanzi ad un pubblico di spettatori costituito da altri giovani, appositamente chiamati dagli aggressori affinché assistessero al feroce e spietato evento, in un contesto di ostentata crudeltà, presumibilmente destinata a consacrare coralmente la pretesa primazia nel gruppo dei giovani criminali. Alla scena, peraltro, assisteva un giovane testimone che, qualche giorno dopo il fatto, veniva avvicinato da uno degli aggressori e da questi gravemente minacciato di morte nonché fisicamente aggredito con colpi al volto, onde indurlo ad astenersi dal riferire alle Autorità quanto visto. Le attività investigative esperite dai poliziotti del Commissariato di P.S. di Patti hanno tempestivamente condotto ad identificare e denunciare gli aggressori alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Messina. Nel contempo, gli esiti di siffatto lavoro hanno isolato in capo agli stessi precisi elementi di responsabilità in ordine ai delitti per cui si procede nonché la ricorrenza di “imponenti esigenze cautelari”, esplicitamente ritenute dalla Procura e dal GIP presso il Tribunale di Messina, che hanno rispettivamente richiesto ed emesso l’ordinanza eseguita in data odierna.

bulli foto 1