Inaugurata la Casa della Cultura a Cinquefrondi (Rc): “evento storico per il meridione” [FOTO e VIDEO]

Istituzioni e cittadini hanno presenziato al taglio del nastro che ha visto, tra l’altro, l’apertura al pubblico del fondo musicale “Carlo Creazzo”

Carlo Creazzo (2)Grande partecipazione all’inaugurazione della Casa della Cultura a Cinquefrondi, nel reggino. Istituzioni e cittadini hanno presenziato al taglio del nastro che ha visto, tra l’altro, l’apertura al pubblico del fondo musicale “Carlo Creazzo”, il secondo per importanza del Sud dopo un fondo “residente” a Napoli. Sono stati un gruppo di volontari, coadiuvati dall’amministrazione comunale, a portare avanti l’impresa sacrificando il tempo libero. Il lavoro è durato 3 mesi e “non finisce qui” rassicurano i volenterosi cittadini. Ad aprire l’evento la benedizione da parte del Parroco Don Serafino Avenoso, il quale, nel fare gli auguri ha affermato “questa deve essere la casa di tutti, la casa del popolo”. A fare gli onori di casa Flavio Loria, consigliere comunale con delega alla cultura: “è un momento importante per tutta la collettività. Oggi inauguriamo un qualcosa che prima era impensabile. Grazie ai volontari ed a tutti coloro che hanno voluto dare un contributo. A Cinquefrondi è il momento di unire e non dividere”. Tullio Pronestì, il responsabile dei volontari ribadisce “l’importanza del lavoro effettuato”, mettendo in risalto che le maestranze si sono adoperate a “titolo gratuito“, ringraziando in particolare “Alberto Conia” quale “motore del progetto”. Uno dei discendenti di Carlo Creazzo, il professore Federico Creazzo, oggi residente a Trieste ha affermato: “questa è una comunità dinamica, basta con gli stereotipi che il sud è fermo. Aspettavamo da 30 anni questo evento”. Conclusioni del sindaco Michele Conia: “oggi è una giornata storica non solo per Cinquefrondi ma per l’intera meridione. Si apre una casa dedicata alla cultura e ad insigni cinquefrondesi quali Pasquale e Carlo Creazzo. I volontari sono stati fantastici ed instancabili”. Poi il primo cittadino rivolge un saluto “ad una persona che non c’è più Renato Macedonio a cui verrà dedicata una stanza dell’edificio”. Infine ricorda “basta con le polemiche inutili sulle nostre indennità, sappiate che parte dei lavori sono stati finanziati con i soldi di sindaco ed amministratori”. Presente in sala con l’esecuzione di vari pezzi musicali la banda cittadina, diretta dal musicista Domenico Mazzù, dedicato al famoso musicista. Domani la settimana della cultura continuerà con l’atto di donazione della famiglia Creazzo del fondo di Pasquale Creazzo, personaggio di primo piano della cultura cinquefrondese.

Cinquefrondi (Rc), inaugurata la casa della cultura [VIDEO]

Cinquefrondi (Rc), inaugurata la casa della cultura: le parole del sindaco Conia [VIDEO]