Il comune di Reggio acquiasta il restante 49% delle quote di Reges: la soddisfazione dei sindacati

palazzo san giorgioLe rappresentanze sindacali aziendali dell’ UGL, rappresentato da Sapone, UIL Tucs, rappresentato da Aricò, CISL Fisascat rappresentato da Zindato, gli iscritti alla CGIL ed i dipendenti della Reges Spa esprimono la loro “soddisfazione nell’apprendere la conferma dell’acquisizione del restante 49% delle quote societarie detenute dal socio privato (Maggioli Spa), da parte del Comune di Reggio Calabria. Il percorso intrapreso nell’ottobre 2014 dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà è giunto dunque al termine, con gli ultimi atti amministrativi che sanciscono, di fatto, il passaggio della società da mista a “in house”. Si tratta di uno snodo che apre una nuova prospettiva, fondata su trasparenza, efficienza amministrativa e stabilità che saranno garantite dalla gestione societaria interamente pubblica. Sono state dunque confermate le richieste delle varie sigle sindacali che hanno rappresentato i lavoratori dell’azienda in questo delicato passaggio. Il sindaco ha rispettato i tempi dell’operazione, annunciati nel corso di questi mesi ed adesso comincerà una nuova fase in cui si cercherà di migliorare ed ampliare il servizio di un settore ritenuto fondamentale per i reggini. Un riconoscimento va inoltre agli amministratori della Reges Spa che, in collaborazione con l’Ente , hanno contribuito al conseguimento di questo importante obiettivo per la citta’. Le rappresentanze sindacali aziendali e i dipendenti di Reges Spa continueranno a seguire con attenzione ma anche con rinnovata fiducia il prosieguo di questo percorso, in linea con le aspettative di una società che si propone di essere all’altezza delle sfide che attendono la Città metropolitana di Reggio Calabria”.