Guardia di Finanza, Reggio: 1021 verifiche fiscali nel 2015, 72 denunce

Le linee d’azione della Guardia di Finanza di Reggio Calabria sono state orientate al perseguimento di quattro obiettivi di cui tre definiti “strategici”

Guardia di Finanza Reggio CalabriaIn analogia all’atto di indirizzo per la definizione delle priorità politiche emanato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per il 2015, le linee d’azione della Guardia di Finanza sono state orientate al perseguimento di quattro obiettivi di cui tre definiti “strategici” corrispondenti alle citate linee di indirizzo emanate dall’Autorità di Governo ed uno c.d. “strutturale” che fa specifico riferimento alle funzioni di polizia giudiziaria del Corpo ed alla sua appartenenza al sistema della sicurezza.

1° OBIETTIVO STRATEGICO

IL CONTRASTO ALL’EVASIONE, ALL’ELUSIONE ED ALLE FRODI FISCALI

Nel 2015, il contrasto all’evasione, all’elusione ed alle frodi fiscali è stato perseguito, attraverso l’esecuzione di 18 piani operativi basati su indagini di polizia giudiziaria su delega della magistratura ed interventi ispettivi eseguiti autonomamente dai dipendenti Reparti, in virtù dei poteri amministrativi conferiti dalla legge. Qui l’azione della Guardia di Finanza è finalizzata non solo al recupero delle risorse sottratte ai bilanci pubblici ma anche ad arginare la diffusione dell’illegalità e dell’abusivismo nel sistema economico a tutela delle imprese e dei professionisti che rispettano la legge e le cui prospettive di sviluppo sul mercato sono seriamente compromesse dalla concorrenza sleale di chi opera nella illegalità.

2° OBIETTIVO STRATEGICO
IL CONTRASTO AGLI ILLECITI IN MATERIA Dl SPESA PUBBLICA ED ALL’ILLEGALITA’ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

I 10 piani operativi realizzati nel 2° obiettivo strategico sono stati rivolti al controllo delle più significative voci di spesa pubblica: dai contributi alle imprese di origine nazionale ed europea ai finanziamenti del servizio sanitario nazionale, dalle risorse utilizzate per gli appalti pubblici a quelle relative al sistema previdenziale.

guardia-di-finanza3° OBIETTIVO STRATEGICO
L’AGGRESSIONE AGLI INTERESSI ECONOMICI ED IMPRENDITORIALI DELLA CRIMINALITÀ

Nel 3° obiettivo strategico 12 sono i piani operativi volti a prevenire e contrastare ogni forma di infiltrazione della criminalità nel tessuto economico e nel sistema finanziario di questa provincia. L’aggressione agli interessi economico ed imprenditoriali della criminalità si è concretizzata soprattutto attraverso le indagini e gli accertamenti sviluppati, in primo luogo, dalle articolazioni specializzate nella lotta alla criminalità organizzata (quali il Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata di Reggio Calabria). L’obiettivo è colpire la delinquenza nel cuore dei propri interessi economici, patrimoniali ed imprenditoriali, sequestrando le disponibilità riconducibili a soggetti indagati o indiziati di reati di mafia, ovvero responsabili di reiterati delitti di natura economico-finanziaria nonché ai loro prestanome e ciò, non solo per privare le organizzazioni criminali delle proprie fonti finanziaria, ma anche per recuperare alla collettività la ricchezza ottenuta con gravi delitti.

OBIETTIVO STRUTTURALE
IL CONCORSO ALLA SICUREZZA INTERNA ED ESTERNA DEL PAESE ED IL SERVIZIO DI PUBBLICA UTILITÀ 117

Le primarie funzioni della Guardia di Finanza a tutela della finanza pubblica e dell’economia, oltre che di contrasto ai traffici illeciti e di concorso alla pubblica sicurezza, trovano un’importante manifestazione nel “controllo economico del territorio”. La capillare presenza territoriale, la flessibilità propria dei moduli operativi adottati, la trasversalità delle azioni di servizio e la possibilità di avvalersi dì una componente aeronavale ad alta valenza tecnologica, consentono alla Guardia di Finanza di assicurare un costante presidio rispetto ad una vasta gamma di illeciti economico-finanziari chepossono manifestarsi nelle diverse aree del Paese, attraverso interventi rapidi ed integrati con il più ampio sistema statale deputato al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica. Il controllo del territorio è garantito dai Reparti del Corpo anche grazie alle richieste di intervento rivolte al numero di pubblica utilità “117”, servizio questo che trova le sue premesse nella necessità di corrispondere alle. istanze manifestate con sempre maggiore diffusione dalla collettività. Rilevante è il concorso del Corpo alla sicurezza ed all’ordine pubblico, principalmente con l’impiego dei militari specializzati “Anti Terrorismo e Pronto Impiego”, i cc.dd. “Baschi Verdi” dislocati – strategicamente – sul territorio di questa provincia e che, per il loro particolare addestramento e la conoscenza delle migliori tecniche di polizia, si caratterizzano per un peculiare dinamismo operativo, assicurando altresì il loro fondamentale apporto anche nel supporto alle più complesse operazioni di polizia giudiziaria.