Fuochi d’artificio in strada per festeggiare il compleanno del parente in carcere

fuochi d'artificioIeri sera in via dell’Arsenale a Palermo, sono stati sparati fuochi d’artificio in strada per festeggiare il compleanno di un parente recluso nel carcere Ucciardone di Palermo. La polizia ha denunciato un uomo per il reato di accensione ed esplosioni pericolose. L’uomo, che non aveva alcuna autorizzazione per i fuochi pirotecnici, ha spiegato agli agenti che i fuochi erano ‘indirizzati’ a un suo parente recluso all’Ucciardone e destinatario di quel particolare messaggio d’auguri. Sempre nell’ambito dei controlli anticrimine effettuati durante il weekend, i poliziotti dell’Ufficio Prevenzione generale e soccorso pubblico hanno denunciato altre sei persone. Un uomo di 75 anni, abituale frequentatore di un centro scommesse di corso Calatafimi, dopo una lite per la scelta di una slot machine, ha minacciato un altro avventore della sala con una pistola a tamburo. L’anziano è stato denunciato per minacce e porto abusivo d’armi. Un uomo di 65 anni è stato invece denunciato perché, durante un controllo nei luoghi della movida, è stato trovato in possesso di un grosso e variegato quantitativo di stupefacente. Denuncia a piede libero per due cittadini stranieri, un russo e un rumeno, che dopo aver consumato un lauto pasto in un ristorante del centro sono andati via senza pagare. La polizia è intervenuta poi nella zona della Fiera del Mediterraneo per una lite coniugale degenerata in minacce e lesioni: il marito è stato denunciato per maltrattamenti. Infine un giovane di 25 anni è stato denunciato per il reato di ricettazione perché alla guida di un motociclo senza targa risultato rubato.