Duplice omicidio a Palermo: la coppia fermata respinge le accuse

La coppia fermata per l’omicidio avvenuto ieri mattina in via Falsomiele a Palermo ha respinto le accuse per tutta la notte

LaPresse/Guglielmo Mangiapane

LaPresse/Guglielmo Mangiapane

“Non siamo stati noi, state facendo un errore”, hanno ripetuto per tutta la notte Carlo Gregoli, 50 anni, dipendente comunale e Adele Velardo, 45 anni, casalinga, la coppia di coniugi fermata all’alba di oggi dalla Squadra mobile di Palermo per il duplice omicidio di Vincenzo Bontà, 45 anni e Giuseppe Vela, 53 anni, avvenuto ieri mattina in via Falsomiele a Palermo.

I due avrebbero ucciso Bontà e Vela per problemi legati a questioni di confini di un terreno, secondo quanto reso noto dagli inquirenti. A incastrare la coppia è stata una testimonianza ritenuta “fondamentale per le indagini” ma anche una telecamera che ha ripreso il veicolo dei due. Gli investigatori parlano di “prove schiaccianti“.