Carcere di Catanzaro: trovata droga in pacco destinato ad un detenuto minorenne

Trovata droga all’interno di un pacco destinato ad un detenuto minorenne

carcereL’arrivo di un pacco destinato ad un detenuto all’interno del carcere minorile di Catanzaro, ha insospettito gli aventi di polizia penitenziaria che hanno subito perquisito il passo trovando all’interno circa 10 grammi di droga. Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale affermano che “il fenomeno della droga in carcere è sempre ricorrente, considerato che i tossicodipendenti sono tanti e tentano, con ogni mezzo, di introdurre la droga all’interno degli istituti. E’ per questo motivo che sosteniamo da sempre che non bisogna mai abbassare la guardia e dotarsi di ogni utile strumento per combattere tale fenomeno. Quello più adeguato è senz’altro l’utilizzo delle unità cinofile ma, nonostante ciò sa previsto da anni, non in tutte le regioni l’amministrazione penitenziaria si è dotata dei cani antidroga. La Calabria è una delle regioni che ancora non ha le unità cinofile. E’ del tutto evidente – continuano – che gli strumenti di repressione e prevenzione non devono essere gli unici, ma è necessario agire attraverso il recupero dei tossicodipendenti. C’è bisogno di progetti seri ed efficaci, rispetto ai quali bisogna necessariamente collaborare con la società esterna, con associazioni e comunità terapeutiche“.