Botteghe di Mestiere e dell’innovazione: delle 5.000 imprese partecipanti, circa 800 sono calabresi

artigianiSi è da poco conclusa la prima fase, aperta solo alle aziende e ai soggetti promotori di tirocini, del progetto Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione promosso dal Ministero del Lavoro ed attuato da Italia Lavoro. Il bando è stato ideato per trasferire ai giovani competenze specialistiche e favorire il ricambio generazionale nei mestieri artigianali attraverso la promozione e la realizzazione di un sistema di Botteghe e l’attivazione di tirocini semestrali diretti ai giovani tra i 18 e i 35 anni. Il primo step ha raccolto adesioni da parte di oltre 5.000 imprese, con una importante partecipazione del sistema di rappresentanza delle imprese dell’artigianato, del commercio, e dell’agricoltura, oltre che delle organizzazioni settoriali, ed anche del sistema della formazione e dell’istruzione. Oltre il 50% delle proposte pervenute sono riconducibili ai comparti dell’agroalimentare, dell’enogastronomia e della ristorazione; il 14% al sistema della GDO, l’11% alla meccanica ed il 10% all’abbigliamento, moda e calzature. In Calabria, alla chiusura dell’Avviso Pubblico, si registra la candidatura di circa 90 Progetti di Bottega, il cui 50% sono riferibili alle Associazioni di Categoria. L’intero cluster calabrese delle candidature fa riferimento ad una platea di circa 800 imprese; numeri molto importanti che confermano l’apprezzamento del modello Botteghe da parte delle aziende.  Il Presidente di Confartigianato Imprese Calabria, Francescantonio Liberto, condividendo il pensiero del Presidente di Italia Lavoro Roboani, ha espresso profonda soddisfazione per il successo riscosso in Calabria dal progetto Botteghe di Mestiere. “La nostra Associazione – ha dichiarato Liberto – ha, sin da subito, condiviso l’iniziativa e compreso l’importanza di un modello che riunisce al luogo di formazione l’opportunità per le imprese di fare rete e consolidare i rapporti di aggregazione e di filiera. I nostri associati hanno accolto con entusiasmo questo percorso, considerandolo un’opportunità per formare giovani con alte competenze specialistiche che contribuiranno a valorizzare i comparti più caratterizzanti del Made in Italy e del Made in Calabria”. Confartigianato Imprese Calabria ha già partecipato alle precedenti iniziative del Ministero del Lavoro, condividendone le finalità e impegnandosi attivamente per supportare le aziende nella strutturazione e realizzazione dei progetti di bottega. Svariati i progetti presentati dalla Confartigianato Imprese Calabria in diversi comparti dell’artigianato, compreso quello importante dell’artigianato digitale, coinvolgendo diverse decine di imprese afferenti a tutte le province calabresi. “La nostra missione – ha concluso Liberto – è quella di rilanciare il settore dell’artigianato per consentire alle nostre imprese di acciuffare la ripresa economica; per questo motivo consideriamo il progetto Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione una delle importanti occasioni per le aziende per formare al proprio interno profili specializzati ed avviare un percorso di inserimento nel mondo del lavoro necessario a contrastare la disoccupazione giovanile e il fenomeno dei Neet”.