Aeroporto dello Stretto, commissariata la Sogas. La Filt-Cgil: “Raffa ha fallito, si dimetta da presidente della provincia”

Aeroporto dello Stretto“Ormai dubbi non ce ne sono più: l’aeroporto dello Stretto può essere salvato solo da una operazione di trasparenza amministrativa e di buona volontà politica che fino ad oggi è mancata. Il commissariamento del consiglio di amministrazione della Sogas chiesto dal Comune di Reggio Calabria è la soluzione che potrebbe garantire una nuova credibilità anche nei confronti di Enac. Del resto, in questi giorni si sono verificati fatti che hanno contribuito a fare chiarezza. Il primo è che la Regione ha dimostrato che lo scalo dello Stretto fa parte del sistema aeroportuale calabrese con l’impegno finanziario sull’infrastruttura e, meglio ricordarlo, dopo l’accordo sul milione e trecento mila euro che la Sogas ha dovuto ritornare all’Ente perché distratti in precedenza. Il secondo è che la Provincia Regionale di Messina ha risposto ad una lettera della Filt-CGIL dimostrando disponibilità ad avviare una discussione seria sul Tito Minniti, cosa che dovrebbe fare molto riflettere sulle incapacità del Consiglio di Amministrazione della Sogas e del Presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa. Il terzo è la dimostrazione dell’inconsistenza e dell’inutilità di un consiglio di amministrazione della Sogas nominato per lo più nella funzione di becchino dello scalo e che non ha alcuna capacità di programmazione come dimostrano cinque anni di gestione della società inutili, con menzogne sui dati per nascondere traguardi non raggiunti, con la perdita di finanziamenti per non aver presentato progetti, con l’uso diverso delle risorse stanziate per l’aerostazione, con obiettivi aziendali gettati come fumo negli occhi dei cittadini, con l’esternalizzazione di settori produttivi come l’handling, con assunzioni atipiche di personale durante il periodo di cassa integrazione, con il risultato di essere arrivati al minimo storico per passeggeri e più in generale per una deficitaria gestione economica e finanziaria”, scrivono in una nota Nino Costantino, segretario regionale Filt-Cgil, Attilio Scali, segretario Filt-Cgil Reggio Calabria, Domenico Miletta, Rsa Sogas Filt-Cgil“. Il quarto -continuano- è rappresentato dalla consapevolezza che ci sembra abbia l’Amministrazione comunale sulla necessità di far diventare lo scalo reggino l’Aeroporto della città metropolitana e dell’Area dello Stretto perché salvare il Tito Minniti vuol dire recuperare i passeggeri della Jonica, della Tirrenica e di Messina persi in questi anni di scriteriata gestione. In sostanza, in queste ultime settimane si è via via chiarito ciò che andiamo denunciando da anni venendo tacciati per disfattisti nel mentre al contrario il Presidente della Provincia un giorno annunciava come imminente la concessione trentennale, un altro stringeva la mano ai dirigenti di Ryanair, un altro ancora annunciava i voli di Blue Panorama, e via di questo passo. Riteniamo, dunque, giusta la richiesta del Comune di commissariamento del Consiglio di Amministrazione della Sogas e riteniamo responsabili del fallimento della Società chi non è stato capace di amministrarla in questi anni e chi ha la maggioranza della Sogas, la Provincia di Reggio Calabria. E come una campana stonata torniamo a chiedere un atto di dignità a Giuseppe Raffa: si dimetta da Presidente della Provincia. Da parte nostra ci batteremo per far crescere una consapevolezza popolare e di massa per salvare l’aeroporto”, concludono.