Serie D, Vigor Lamezia-Reggina 1-1: amaranto imbarazzanti nel campo dell’ultima in classifica

Serie D, Reggina sempre peggio: inferiore persino alla Vigor Lamezia ultima in classifica

Reggina Vigor Lamezia (20)Reggina imbarazzante oggi pomeriggio sul campo della Vigor Lamezia ultima in classifica a -3 dalla penultima e a -8 dai playout. La partita s’è conclusa con il risultato di 1-1 ma i padroni di casa biancoverdi sono stati per tutto l’arco del match superiori rispetto agli amaranto allenati da Ciccio Cozza, costretti a rincorrere e a vedere il portiere Licastro (preferito a Ventrella) migliore in campo. La Vigor Lamezia ha anche colpito un palo mentre la Reggina non è mai stata pericolosa nell’area di rigore avversaria. Una partita disarmante per i circa 100 tifosi amaranto che nonostante il momento nero hanno continuato a seguire la squadra dimostrando tutta la loro grande passione.

Nel finale due tra gli elementi più importanti della squadra amaranto si sono fatti espellere per leggerezze clamorose: prima Zampaglione a pochi minuti dal termine, poi Roselli che ha rimediato due incredibili cartellini gialli in pieno recupero. Entrambi salteranno la prossima partita nel turno infrasettimanale, mercoledì pomeriggio al Granillo contro il Rende (ore 14:30). Domenica prossima, il 14 febbraio, di nuovo in trasferta a Marsala.

La Reggina adesso scivola sempre più giù in classifica, lontanissima dalle prime tre (Frattese, Cavese e Siracusa) che si stanno giocando la promozione in Lega Pro, ma con addosso anche Sarnese, Leonfortese, Aversa Normanna e Noto che insediano gli amaranto per i playoff. Senza i 3 punti di Rende conquistati a tavolino, questa Reggina sarebbe ad appena +5 dai playout e quello di mercoledì con il Rende sarebbe un disperato scontro diretto per non retrocedere in Eccellenza. Una Reggina così in basso, in 102 anni di storia, non s’era mai vista ed è un grande peccato come si sia dissipato il grande entusiasmo d’inizio stagione, con oltre 3.500 abbonati nonostante la categoria dilettantistica. E inevitabilmente mercoledì il Granillo sarà quasi completamente vuoto. Non solo perché si gioca in un giorno feriale…