Regione Calabria, approvate le misure di salvaguardia in pendenza dell’approvazione del nuovo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti

consiglio_regione_calabria-Nella seduta del Consiglio Regionale di oggi, sedici febbraio, sono state approvate “Le misure di salvaguardia in pendenza dell’approvazione del nuovo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti”. Si tratta – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – di un decisivo ed importante atto che va nella direzione di attuare in Calabria l’opzione “ zero discariche”, già prevista nelle Linee Guida del Piano Regionale approvate con la Delibera 407/2015. “Questo Governo regionale – hanno dichiarato il Presidente della Regione Mario Oliverio e l’Assessore all’Ambiente Antonella Rizzzo – sta procedendo con determinazione e senza ambiguità alcuna alla realizzazione del programma presentato ai calabresi, che prevedeva una grande attenzione al territorio, particolarmente caratterizzato da un’elevata concentrazione di siti di smaltimento. Il disegno di legge approvato dal Consiglio mette in campo quelle misure che scongiurano, di fatto, la vanificazione del raggiungimento di un obiettivo importante e qualificante quale quello delle discariche zero. Tra i punti salienti del provvedimento, le misure di salvaguardia sono individuate nella sospensione per la durata di un anno del rilascio di autorizzazioni di deposito di rifiuti su o nel suolo, così come i relativi procedimenti di Valutazione Ambientale e di Autorizzazione pendenti presso gli uffici della Giunta regionale. Con l’approvazione, da parte della Giunta, del preliminare del Piano Regionale dei Rifiuti e della Legge che istituisce il Registro Tumori di popolazione della Regione! da parte del Consiglio, le modifiche alla Legge Urbanistica che prevedono, tra l’altro, “consumo di suolo zero”, e il nuovo Piano sui rifiuti, si apre in Calabria una nuova fase che mette al centro la tutela della salute dei cittadini ed il rispetto dell’ambiente. L’obiettivo, quindi, è migliorare la qualità dell’ambiente, tutelare la salute umana, incoraggiare un uso prudente e razionale delle risorse naturali e promuovere misure adatte ad affrontare i problemi ambientali regionali e mondiali. La Calabria intraprende un percorso che la porrà in linea con gli obiettivi dettati dalla Comunità Europea, attraverso un’azione di incentivazione della raccolta differenziata e con la realizzazione di eco distretti nei quali il ciclo integrato dei rifiuti sia il primario obiettivo da realizzare.In tale contesto i rifiuti diventeranno una risorsa da utilizzare sia a livello energetico che produttivo”.