Reggio, polemiche sul Parco Caserta. Versace (Oltre): “sarebbe bello vedere tutta la deputazione reggina supportare l’opera”

parcocaserta“Oramai da settimane assistiamo sui media a continui attacchi nei confronti dell’amministrazione comunale in merito alla vicenda relativa al Parco Caserta, come se la verità, per come la vicenda in tutti questi anni è stata gestita, fosse sconosciuta o addirittura diversa per come riferito nella nota stampa della Deputata Dieni del Movimento Cinque Stelle qualche giorno addietro.  Sarebbe bello vedere tutta la Deputazione reggina, di qualsivoglia colore politico, supportare l’opera dell’amministrazione Falcomatà in quel di Roma Capitale, e non addossare responsabilità del passato a chi sta tentando con grande fatica, di restituire ai cittadini reggini qualche diritto in più rispetto alle passate amministrazioni.  E’ assolutamente vero quando si dice che quest’amministrazione si deve assumere la responsabilità delle azioni messe in campo, ma è altrettanto vero che se si grida alla trasparenza si deve accettare e soprattutto ascoltare, non bisogna essere sordi alle verità che purtroppo hanno distrutto la nostra città”, scrive in una nota Carmelo Versace, Movimento Oltre. “E’ facile farsi portavoce dei cittadini, ma dove era il Movimento Cinque Stelle quando il Centro Sinistra ha denunciato il Modello Reggio con tutte le sue nefandezze? Dove era il Movimento Cinque Stelle – prosegue- con il suo programma politico alla passate amministrative, su quali temi ha posto l’attenzione, con chi si è confrontato e magari proposto soluzioni alternative ai tanti problemi che purtroppo ancora vivono i cittadini di Reggio?   La vicenda del Parco Caserta va assolutamente gestita nel modo più serio e nel rispetto delle regole, ma soprattutto va restituito alla città tutta ed ai suoi cittadini perché ne hanno bisogno; abbiamo bisogno di questo polmone verde, abbiamo bisogno di una struttura sportiva all’avanguardia, ma nel rispetto delle regole. Necessita però del tempo per fare le cose bene, attendiamo il novantesimo, se vogliamo utilizzare un gergo calcistico, non giudichiamo prima del tempo e se magari è il caso attendiamo anche i minuti di recupero.  Noi siamo convinti – aggiunge- che presto anche il Parco Caserta possa essere nuovamente fruibile per gli sportivi e non, ma soprattutto vivibile, e invitiamo ancora una volta tutti a collaborare affinchè la nuova città Metropolitana che verrà nasca con i migliori auspici e non con le solite divisioni campanilistiche che non servono a nessuno”, conclude.