Reggio, nasce il comitato referendario under 30 per il “sì”

Si referendumA pieno regime i Giovani Democratici di Reggio Calabria proseguono la loro fase congressuale svolgendo su tutto il territorio provinciale i loro congressi di circolo in attesa del livello provinciale,regionale e nazionale che andrà a costituire i nuovi gruppi dirigenti. E’ toccato al circolo “Pegaso” che incorpora i giovani della I e II Circoscrizione celebrare la propria assise congressuale presso la Pinacoteca del Comune di Reggio Calabria. L’incontro aperto dal  segretario provinciale Gd Francesco Danisi ha visto la partecipazione  del coordinatore regionale di FdS Alex Tripodi e di  Antonino Castorina capogruppo del Pd nel comune di Reggio Calabria. Da un ampia discussione, che ha visto eletto, come segretario di circolo il giovanissimo Demetrio Loddo ed in assemblea provinciale Vincenzo Costantino, i Giovani Democratici della provincia di Reggio Calabria lanciano un Comitato referendario per il “Sì” alla riforme costituzionali,  rivolto ai  giovani Under 30. “Il nostro obiettivo – afferma Alex Tripodi – è quello di sensibilizzare ed informare i cittadini ed in particolare i giovani, verso uno strumento così importante come il referendum. Da qui l’idea -  prosegue il giovane Tripodi – di costruire delle assemblee pubbliche e delle iniziative,  in cui ci si possa confrontare sulle riforme costituzionali.  Questo referendum, conclude Tripodi, rappresenta un importante e decisivo passo in avanti, che renderà il nostro sistema istituzionale più moderno ed efficace”. “Nei prossimi giorni –  dichiara Castorina – proseguiremo il nostro cammino nei comuni della nostra provincia per spiegare il lavoro del Partito Democratico e del governo sul tema delle riforme e per coinvolgere tutti gli amministratori per costruire insieme una piattaforma politica volta a rafforzare e potenziare l’azione di Giuseppe Falcomatà nella costituenda città Metropolitana. Il segretario provinciale  dei Giovani Democratici Francesco Danisi afferma “ l’impegno delle giovani generazioni sarà fondamentale in quelli che saranno i processi riformatori e di cambiamento del nostro paese – Il disegno di legge costituzionale del ministro Boschi   – conclude Danisi – non solo supera l’ormai inefficace sistema bicamerale, ma bensì ridefinisce i ruoli dello Stato e delle regioni e rafforza gli strumenti di democrazia diretta dei cittadini. I Giovani Democratici conclude Danisi proseguiranno il loro cammino nelle prossime settimane e nei prossimi mesi discutendo di politica e di contenuti in tutti i circoli che in questi anni hanno trasformato il nostro movimento giovanile in una realtà consolidata in tutta la regione Calabria-