Reggio, Misefari e Albanese: “è necessario risolvere al più presto le criticità presso l’Asp”

sanità“Riuscire a cambiare medico di base o richiederlo per la prima volta, diventa, presso gli uffici del Polo Sanitario Nord dell’Asp di Reggio Calabria, una vera impresa”. È quanto dichiarato, in una nota congiunta, dai consiglieri Valerio Misefari delegato alla sanità e Rocco Albanese. “Ore di attesa che, soprattutto per i soggetti anziani, diventano ore di sofferenza – proseguono i consiglieri – lo stesso dicasi per chi deve pagare il ticket sia per le visite specialistiche che per gli esami di laboratorio. Queste criticità, sono dovute all’assoluta carenza di personale che, nonostante le richieste del dirigente, non sono mai state risolte. Noi siamo vicini ai lavoratori, ai funzionari ed ai dirigenti che non sono messi nelle condizioni di poter operare in modo decoroso. Siamo anche vicini ai cittadini che devono aspettare ore per poter usufruire dei servizi richiesti. La soluzione potrebbe essere quella di attivare questi servizi anche presso il Polo sanitario di via Padova, come, peraltro, richiesto dal dirigente”. “Sollecitiamo, quindi, le autorità competenti, perché prendano tutte le iniziative affinché questa situazione, non degna di una sanità decorosa, venga risolta. D’altra parte, un’utenza di 220 mila cittadini (considerando Cardeto, Motta San Giovanni, Campo Calabro e tutto il comprensorio aspro montano), non può essere soddisfatta da un solo ufficio. Un’ultima domanda ai responsabili: a quando la ricetta elettronica? Una soluzione questa che allevierebbe il lavoro dei medici di base e ridurrebbe i disagi dei cittadini”, hanno concluso i consiglieri Misefari e Albanese.