Reggio, la Cisl sulla crisi Sogas: “disponibili a confrontarci solo su scelte e azioni responsabili che guardino al futuro”

“A fronte degli ultimi incontri tra OO SS e Management della Sogas spa, la FIT CISL nel confermare la coerenza delle azioni e delle scelte fin qui operate, fa presente che: La Fit Cisl, in data 9 dicembre 2015, unitamente alle altre OO.SS., riscontrando oggettive motivazioni ha sottoscritto un verbale di accordo per il ricorso allo strumento della CIGS. Oggi, non essendo venute meno le condizioni che hanno determinato la condivisione di quell’accordo, conferma la sua scelta ritenendo che il ricorso alla Cigs, era ed è, purtroppo, uno dei percorsi necessari per il superamento della grave crisi economica e finanziaria che da tempo condiziona la sostenibilità e quindi il futuro della So.g.a.s SpA che rischia la sua decozione con conseguenze gravi per la garanzia dei livelli occupazionali e per il futuro dell’aeroporto dello stretto. Al senso di responsabilità delle OO.SS. e certamente della Fit Cisl, non si registra la necessaria  lungimiranza, della compagine societaria e del management incaricato, a mettere in atto, azioni costruttive sia sul fronte gestionale ed organizzativo e sia sul piano strategico e industriale della Società”, affermano in una nota Annibale Fiorenza e Giuseppe Larizza della Cisl. “ Per quanto ci riguarda-proseguono- non è più tempo delle dichiarazioni d’intenti, né tanto meno di cervellotiche azioni che mortificano i lavoratori e utili solo ad alimentare tensioni e inflazionate indignazioni che certificano l’incapacità delle parti a fare squadra per gli interessi del territorio e delle comunità che devono fruire di un aeroporto sostenibile e competitivo per mettere fine alle ricadute negative che continuano a succedersi in ogni direzione. Ciò detto -aggiungono-dalla compagine societaria e dall’attuale C.d.A., pretendiamo scelte chiare e responsabili, così come rivendichiamo una costruttiva e coerente utilizzazione delle risorse umane disponibili, quindi della CIGS che deve essere applicata e attualizzata coerentemente ai criteri ampiamente noti e definiti dalla vigente normativa e dalle relative circolari applicative. Altre logiche non ci vedranno certamente partecipi. Pertanto -concludono- In assenza di azioni volte a perseguire gli attesi risultati utili per superare le criticità in essere, la Fit Cisl si determinerà a mettere in atto tutte le azioni necessarie a tutela del lavoro e degli interessi più generali delle nostre comunità, a garanzia del loro diritto alla mobilità e a difesa del responsabile impiego delle risorse pubbliche utilizzate e da utilizzare.