Reggio, inaugurato il nuovo laboratorio di fisica del Liceo “Da Vinci”: ospite d’onore l’esperta Lucia Votano [FOTO e VIDEO]

E’ stato da poco inaugurato il nuovo laboratorio di fisica del Liceo Scientifico “L. Da Vinci”, uno storico locale di studio e ricerca a disposizione degli studenti, rinnovato grazie al lavoro di due ditte locali. Presenti stamane, diverse autorità locali e la nota fisica, originaria di Villa San Giovanni, Lucia Votano, la quale ha tenuto una conferenza per illustrare l’importanza della conoscenza scientifica

laboratorio fisica liceo da vinci lucia votano (10)Oggi al Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” l’inaugurazione del nuovo laboratorio di fisica: lo storico locale della scuola reggina ha ripreso vita grazie all’apporto di due ditte locali, “Linguardo Paolo Daniele impresa costruzioni” e “Porcino Sistemi”, che gratuitamente hanno attivato i dovuti interventi per quanto riguarda l’areazione, la pavimentazione, la pitturazione, l’allarme antifurto ed ulteriori opere. Solo a fine dicembre 2015 il laboratorio aveva l’aspetto di un cantiere, ma a distanza di pochissimo tempo, e anche grazie all’aiuto dei professori d’arte del Liceo, che hanno ristrutturato i tavoli e gli armadi, è divenuto un fiore all’occhiello, degno della sua storia. Una storia lunga 80 anni, che oggi testimonia la “madrina” dell’evento, e non poteva essere altrimenti dato il tema del giorno, la fisica Lucia Votano, di Villa San Giovanni, ma nota nel Paese in quanto già  Direttore (la prima direttrice donna) dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) (il più grande dei laboratori sotterranei del mondo dedicato alla fisica astroparticellare).

Ospiti della giornata odierna, anche le autorità locali come il presidente della Regione Calabria, l’On. Nicola Irto, il sindaco Giuseppe Falcomatà, l’assessore provinciale alla Cultura e alla Legalità, Eduardo Lamberti-Castronuovo, la responsabile dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dott.ssa Mirella Nappa; seduta al tavolo dell’Aula Magna del Liceo “Da Vinci”, anche la direttrice del laboratorio oggi inaugurato, la professoressa Emanuela Siciliano.

laboratorio fisica liceo da vinci lucia votano (27)Tutti i presenti hanno ribadito un concetto fondamentale, che oggi si esplica attraverso la realizzazione del laboratorio stesso, ossia quello che si rifà alla sinergia, fruttuosa, non solo inter-istituzionale, ma anche tra pubblico e privato.

La dirigente Giuseppina Princi lo ha evidenziato bene: “la scuola che collabora con le istituzioni e con le imprese”.

Medesimo concetto espresso da Nicola Irto, il quale elogia l’iniziativa delle imprese che hanno permesso di dare vita al progetto del laboratorio di fisica. Il presidente Irto, inoltre, parlando dell’importanza del merito e delle eccellenze che nel mondo hanno portato alto il nome della Calabria, non può nominare anche una volta la dottoressa Votano, ricordata anche nel corso di un suo precedente intervento in occasione della visita del presidente Mattarella a Catanzaro. “È essenziale – chiosa Nicola Irto investire sulla cultura e sulla ricerca scientifica. I ragazzi si devono mettere in gioco per una Calabria diversa”.

Una Calabria che si mostra “diversa” anche nella scuola: l’assessore Lamberti-Castronuovo lo dice a gran voce, sostenendo in che modo nel corso degli anni la scuola ormai stia superando la società. “Quello di oggi è un esempio del perché non si debba fare un distinguo tra pubblico e privato – dichiara l’assessore - ciò che conta è dare alla società dei risultati, con l’apporto delle nostre eccellenze, a cui dico che è importante, dopo essere andati via per studiare, ritornare e attestare quanto fatto”.

laboratorio fisica liceo da vinci lucia votano (18)Perché le testimonianze degli esperti, di chi prima di essere un’eccellenza è stato uno studente, non può che giovare alla formazione e alla crescita dei ragazzi; ed è proprio ai ragazzi che si rivolgono le parole del sindaco Falcomatà: “dovete credere fino in fondo in quello che fate, non bisogna mai fermarsi ad eventuali fallimenti. Ci sono scuole, come il Liceo ‘Da Vinci’, che grazie all’utilizzo dei fondi comunitari, ad un’offerta seria, all’apporto dei privati, ci rendono orgogliosi della scuola stessa e del fatto che anche a Reggio si possono fare cose buone. Investite nella bellezza – continua Falcomatàdi cui fanno parte la cultura, la conoscenza, la ricerca; dobbiamo acquisire la bellezza, e chi ha il compito deve educare i ragazzi alla stessa”.

Conclude così il primo cittadino di Reggio, citando le parole di Leonardo Da Vinci, da cui il Liceo prende il nome: “Da grande voglio fare grande l’Italia”; un esplicito auspicio per i ragazzi.

A questo punto dell’incontro, è la direttrice del laboratorio di fisica, la professoressa Siciliano, fiera del lavoro e dell’impegno messo in campo per la ristrutturazione del locale, a cedere la parola all’ospite d’onore del giorno.

laboratorio fisica liceo da vinci lucia votano (36)La dottoressa Lucia Votano, nel ricordare il suo percorso non solo di vita, ma anche di studio, illustra ai giovani l’importanza del metodo scientifico, rispondendo a ciascuna domanda e curiosità degli studenti.

“La fisica – afferma - vuol dire porsi davanti a qualsiasi realtà e domandarsi di cosa è fatta la natura, che cosa mi dice. Per cui, ragazzi, interrogate gli strumenti, perché solo ricercando, ponendoci delle domande, si raggiunge una verità. Una volta interrogati gli strumenti, poi, si deve tradurre quello che ci dicono in linguaggio universale, ossia la matematica, che è il linguaggio della natura”.

Secondo quanto detto dalla dottoressa Votano, infatti, il metodo scientifico ha una valenza per tutto, per il modo di conoscere la realtà, e se il secolo scorso è stato quello dei grandi passi della fisica, questo sarà quello delle neuroscienze, rappresentate dall’approccio inter-disciplinare.

Farsi delle domande, però, sperimentare una risposta, lo sottolinea bene Lucia Votano, porta ad una verità temporanea, “perché è scientifica, un tipo di verità che viene poi superata”. La cultura è una sola – prosegue la dottoressa VotanoNon esiste una cultura scientifica o umanistica. I Paesi che oggi vanno avanti sono quelli che investono sui tre pilastri della conoscenza scientifica: la creatività, la formazione e la ricerca. Ben venga qualsiasi investimento, purché si basi su una buona scienza, su una buona cultura”.

Lucia Votano, lo si è detto, è nativa di Villa San Giovanni, ed ha studiato presso il Liceo Classico “T. Campanella” di Reggio Calabria, dove, come lei stessa spiega, le classi erano divise per generi.

“Il mutare dei tempi – aggiunge - ha rappresentato una vera e propria rivoluzione soprattutto per noi donne: in questo, penso di essere stata fortunata”.

laboratorio fisica liceo da vinci lucia votano (40)Una fortuna che l’ha portata da Roma, dove ha proseguito gli studi universitari in fisica, a girare il mondo, perché, come dichiara, “si deve tornare, ma dopo aver girato ed essere stati cittadini del mondo”.

Lucia Votano è passata dai laboratori di Frascati, all’avanguardia alla fine degli anni ’50, anni durante i quali in Italia si puntava nella ricerca e nell’innovazione; non per niente, la dottoressa Votano ricorda la scoperta dell’LHC, il più grande acceleratore di particelle.

Viaggiando, poi, è divenuta la prima direttrice donna dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso, dedicati alla fisica astroparticellare, “che studia insieme l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande, ed in questo contesto si inserisce lo studio dei neutrini, un nuovo strumento per studiare l’universo”. 

“Ormai l’attività di ricerca è globale – ha concluso Lucia Votanoma richiede impegno, impegno che si traduce anche nell’apprendimento, ad alto livello, delle lingue, una garanzia di professionalità”.