Reggio, celebrata la Giornata Internazionale della comunicazione Braille

brailleNei giorni scorsi presso il Liceo Artistico “Preti-Frangipane” di Reggio Calabria, l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti ha celebrato la Giornata Internazionale della comunicazione Braille, istituita in Itali con legge del 3 agosto 2007. Nell’Aula Magna, gremita di studenti, i lavori sono stati aperti dal Prof. Errigo, delegato del Dirigente Scolastico Prof. Barresi, che ha sottolineato l’importanza di accrescere la sensibilità dei giovani verso i problemi dei disabili della vista e soprattutto di far si che la loro inclusione sociale sia completa. L’incontro è stato moderato dal Presidente dell’UICI reggina, Dott. Paolo Marcianò ed ha visto quali relatori il Prof. Diego Geria, esperto di storia locale, la D.ssa Lavinia Garufi, responsabile del Centro Tiflodidattico regionale ed il Prof. Armando Paviglianiti, Dirigente regionale dell’UICI. La figura e l’opera di Louis Braille è stata illustrata, nei suoi aspetti storici e sociali, in maniera approfondita, ricordando la vita di questo ragazzino francese cieco che, all’inizio dell’800, intuì la formazione di un codice per facilitare la comunicazione tra non vedenti, avvalendosi dell’esempio dei soldati napoleonici che comunicavano al buio delle trincee. L’invenzione di questo codice, che prese il nome di codice Braille, ha liberato dalla schiavitù culturale milioni di uomini, che hanno potuto istruirsi, acquisire un lavoro, una professione, un’attività sociale come tutti gli altri cittadini, nonostante la loro disabilità visiva e, come in particolare ha sottolineato il Prof. Paviglianiti, con quale forza e determinazione l’UICI è riuscita a far superare la logica degli istituti che emanginalizzavano i ciechi isolandoli dalla società, per raggiungere l’agognato traguardo d inserire i ragazzi nella scuola pubblica, come è oggi, sostenendo in ogni maniera la loro istruzione. La D.ssa Garufi, a questo punto, ha mostrato a tutti gli studenti, come avviene praticamente la scrittura Braille, incoraggiando allo studio di questa comunicazione tutti gli insegnanti, non soltanto quelli di sostegno, ma anche quei curriculari, per un’effettiva integrazione dei disabili nel mondo della cultura. Il Presidente Marcianò, concludendo i lavori, ha rilanciato l’appello al Sindaco della Città, Avv. Giuseppe Falcomatà, per attuare a Reggio l’accordo promosso da ANCI e la sede centrale dell’UICI per l’intitolazione di una via a questo grande “rivoluzionario”, quale è stato Louis Braille, che ha fatto diventare tutti i ciechi del mondo, cittadini con la loro dignità e il loro valore.