Reggio, Azione Nazionale: “al Comune dove c’è danno, c’è guadagno” [FOTO e VIDEO]

Stamane si sono riuniti in conferenza stampa i rappresentanti del neo partito Azione Nazionale di Reggio Calabria; si è parlato delle opere riferite al Piano della Mobilità in questi termini: “Dove c’è il danno, c’è il guadagno”

reggio conferenza azione nazionale (2)Dove c’è il danno, c’è il guadagno”: questo il titolo dato alla conferenza stampa indetta stamane presso la nuovissima sede di Azione Nazionale.

Ad entrare nei dettagli di quanto si vuole comunicare, Franco  Germanò: “Oggi denunciamo un fatto, a nostro parere, di una gravità assoluta; una vicenda che si inserisce nell’ambito del Piano della Mobilità”.

Come ricordato stamane, il Piano della Mobilità era il progetto “immaginato” dalla Giunta di centrodestra, per il quale erano stati stanziati 124 milioni di euro, “risorse che poi – continua Germanòcon l’arrivo dei commissari e della Giunta Falcomatà in parte si sono perse: sono rimasti 34 milioni di euro. Rispetto a questi soldi, la Giunta municipale, con un atto deliberativo, decide di destinare 190 mila euro per l’elaborazione di uno studio di fattibilità, per un mega progetto di cui non si conoscono i termini, né le risorse finanziarie necessarie e/o disponibili”.

Sempre a detta di Franco Germanò, con una successiva delibera, la Giunta affida il suddetto “incarico, perchè di questo si tratta,” alla società Uirnet, “costituita su input del Ministero delle Infrastrutture e che opera in campo nazionale per la gestione della piattaforma della logistica commerciale, sostanzialmente nella gestione dei traffici commerciali nei porti”.

Come trasmette Germanò, la società in questione è costituita per la maggioranza dalle autorità portuali, ma anche da una serie di soggetti privati, “tra cui la Vitrociset”.

È a questo punto che ci si cala in quella che vuole essere una vera e propria denuncia da parte del centrodestra reggino: “Abbiamo scoperto – sempre parole di Franco Germanòche l’assessore proponente della delibera con cui è stato dato questo incarico alla citata società ha lavorato fino a due anni fa presso la Uirnet, rivestendo il ruolo di consulente esperto presso la Vitrociset”.

reggio conferenza azione nazionale (4)L’assessore a cui ci si riferisce è Agata Quattrone, delegata alla Mobilità e alla Smart City per il Comune di Reggio Calabria.

“Si tratta di un’operazione che prefigura, evidentemente, altre strategie – aggiunge Germanòperché questo studio di fattibilità dovrà consentire l’emanazione di un bando per un project financing, in cui far transitare tutte quelle risorse che il Comune ritiene di poter ottenere attraverso il PON Metro o la nuova programmazione comunitaria”.

Ernesto Siclari e Mariangela Cuzzola affiancano quest’oggi e sostengono quanto detto da Franco Germanò: “è un’operazione a nostro parere che dimostra l’assoluta incompatibilità dell’assessore Quattrone rispetto a queste procedure; un falso in atto pubblico”.  “Un elogio dell’ipocrisia”, come viene definito da Siclari.

Rispetto a quanto detto, ci si aspetta, da parte del centrodestra, un’azione consequenziale del sindaco Falcomatà, “qualora fosse all’oscuro di tutto, rendendo conto non solo alla città – conclude Germanòma anche alle autorità competenti, prima fra tutte l’autorità dell’anticorruzione”.

Oltre all’annuncio di una denuncia all’autorità dell’anticorruzione, a detta di Mariangela Cuzzola si sta “considerando la quantificazione del danno che l’amministrazione sta portando avanti, e siamo pronti a sottoporla al sindaco”.