Reggio, arrestato 36enne che maltrattava e violentava la moglie

Reggio: un cittadino di origini marocchine di 36 anni, vittima di tentato omicidio nel mese scorso, è stato arrestato dalla Polizia di Stato per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale

CHHAIBI Mourad 05.11.1980 Per la StampaLa Sezione Omicidi della locale Squadra Mobile, a conclusione di serrate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, in persona del Procuratore Aggiunto dott. Gerardo DOMINIJANNI e del Sostituto Procuratore dott.ssa Sara AMERIO, nella serata di ieri 25 febbraio, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria nei confronti del cittadino marocchino CHHAIBI Mourad, ritenuto responsabile di reiterati maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale aggravata nei confronti della moglie, anch’essa di origini marocchine, entrambi da molti anni residenti a Reggio Calabria.

Le indagini – che hanno preso il via da quelle effettuate dalla Squadra Mobile sul tentato omicidio posto in essere, nello scorso mese di gennaio, da CASSONE Filippo nei confronti dello CHHAIBI Mourad – hanno consentito di tracciare, a carico del cittadino marocchino, un quadro indiziario grave, tanto da indurre il G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria ad accogliere la richiesta della misura cautelare della custodia in carcere formulata dai predetti magistrati e a disporre, conseguentemente, la misura coercitiva carceraria nei confronti del CHHAIBI, per i ripetuti maltrattamenti – e anche per violenza sessuale – a cui ha sottoposto sua moglie durante il matrimonio. La donna – che è stata vittima per anni di molteplici condotte violente del marito, consumate in ambito familiare, a causa delle quali, in più di un’occasione, è stata costretta a dover ricorrere alle cure mediche – non ha mai avuto la forza di denunciare i fatti che era costretta a subire, anzi ha taciuto ai medici che l’hanno curata, la causa reale dei segni delle percosse che recava sul corpo. Il CHHAIBI nella serata del 22 gennaio u.s. era stato vittima di tentato omicidio posto in essere da CASSONE Filippo, reggino di 34 anni, attualmente in carcere per quel delitto, maturato nel delineato contesto familiare dei coniugi marocchini, fortemente caratterizzato da episodi di violenze e maltrattamenti, che avevano determinato la separazione di fatto del CHHAIBI da sua moglie e l’avvicinarsi di quest’ultima a CASSONE Filippo, con il quale aveva allacciato una relazione sentimentale. Dopo il tentato omicidio del CHHAIBI, gli inquirenti hanno svolto mirati accertamenti in ordine agli episodi di maltrattamenti e violenza subiti dalla donna marocchina, da cui sono emersi gravi indizi di reità a carico dello stesso CHHAIBI, posti a fondamento della misura cautelare in carcere richiesta dalla Procura della Repubblica ed eseguita nella serata di ieri dai poliziotti della sezione specializzata nel contrasto dei reati contro la persona, in danno di minori e reati sessuali della Squadra Mobile.