Reggio: alla Provincia la mostra “La casa stampata” [FOTO]

Presso la Provincia di Reggio, la mostra “La casa stampata” di Marcello Sèstito

Mostra di Architettura (3)Presso il Palazzo della Provincia di Reggio, è possibile visitare la mostra “La casa stampata” di Marcello Sèstito. La mostra sarà aperta dal 15 al 19 febbraio 2016.

Nei millenni, o da quando a Catal Aiuk si pensò la prima forma di casa, quando già gli animali ci suggerivano i loro alloggiamenti, i modi del comporre e del costruire non hanno superato le tre distinzioni, uno antichissimo, uno di non più di un secolo, il terzo recentissimo:Il montaggio, la colata e oggi lo stampo.
La prima ricalca una lunga tradizione costruttiva, vede nell’accostamento tettonico il raggiungimento di una parete, una colonna, dai rocchi sovrapposti, come se l’intera costruzione dipendesse da questa forza aggregativa e seriale. L’elemento individuale, mattone, masso, macigno, blocco o inserto si dispone a seguire la logica della costruzione preventivamente, e nell’individualità del singolo elemento si registra già l’interezza, come le cellule di un organismo disposte a configurare l’opera. Questa maniera di costruire per elemento, per punti o per masse continue, per paratassi, che si registra subito dopo l’intreccio arboreo della capanna primitiva, ha rappresentato per millenni l’atto del costruire disponendo mattone su mattone la materia modellata da mani di fabbricanti o dei tagliatori di pietre. Questo modo di procedere ha trovato motivazioni profonde fino a un secolo fa circa. Si pensi che persino la prefabbricazione rientra nel primo dei casi, cioè il montaggio seriale.
A questa in anni piuttosto recenti se ne è affiancata un’altra, quella della colata cementizia che forma la materia con l’ausilio di una cassaforma. Dopo che Francois Hannebique e prima di lui Joseph Monier con il cemento armato hanno dominato il secolo passato
Tutta la tradizione del cemento armato ha subito tale iniziativa costruttiva dai pilastri cementizi fino al Goetheanum di Steiner a Dornac o alla Einsteiturm di Eric Mendelsohn a Potsdam.
La ricerca più recente ci ha condotto allo sconvolgimento totale di tali tecniche costruttive. Oggi vi è la possibilità di realizzare l’edificio attraverso lo stampaggio. Ridotta a finissima polvere la materia può disporsi nello spazio come si desidera, seguendo quasi un imperativo biblico. Se la colata necessitava dello stampo che potesse modellare la colata ora questo procedere per pulviscolo può generare l’architettura desiderata.