Reggina, la contro-replica di Praticò a Raffa e Falcomatà: “nessuno ci avete sostenuto in alcun modo, noi avanti solo con le nostre gambe”

Reggina, continuano le polemiche. Nuova lettera di Praticò alle istituzioni

raffa, falcomatà a praticòTramite una nota ufficiale pubblicata sul sito internet, il Presidente Mimmo Praticò si lancia in una contro-replica alle risposte del Sindaco Falcomatà e del Presidente della Provincia Raffa che nei giorni scorsi avevano risposto alla durissima lettera inviata dal Presidente del club amaranto nella giornata di domenica. Ormai le settimane trascorrono senza parlare di calcio, e le polemiche si spostano anche sul piano politico. Praticò afferma: “Abbiamo scritto al Sindaco ed al Presidente della Provincia per chiedere aiuto per la società ASD Reggio Calabria perché abbiamo difficoltà a trovare impianti da utilizzare. Pensando al bene comune, fino ad oggi ci siamo barcamenati per come abbiamo potuto. Non pensavamo con questa nostra semplice richiesta di essere tacciati per bugiardi, per chi chiede di non rispettare la legge, per chi chiede contributi economici. Nulla di tutto ciò! Ed anzi si chiede rispetto per gli uomini e per gli investimenti fatti per tenere alto il vessillo amaranto in un momento in cui solo i dirigenti dell’ASD Reggio Calabria si sono fatti carico di impegni finanziari importanti considerando il momento di grave crisi che sta attanagliando la Città ed la Nazione. Questi impegni erano tutt’altro che scontati! Non ci sembra che l’ASD Reggio Calabria fino ad oggi sia stata sostenuta in qualche modo, anzi siamo andati avanti con le nostre gambe, con la nostra testa e con i nostri soldi. Non siamo mai andati a bussare alla porta di alcuna pubblica amministrazione, non abbiamo pestato i piedi né prevaricato nessuna società sportiva rispettando tutte fino all’ultima categoria del calcio. Questa società fino ad oggi ha avuto le carte in regola senza alcun supporto e non ha da dimostrare niente a nessuno perché sono i fatti a parlare per essa. Fino ad oggi abbiamo camminato con le nostre gambe superando difficoltà infinite, senza disturbare nessuno mettendo le mani in tasca anche dove non dovevamo. Per quanto riguarda altro, per un fatto di stile soprassediamo ripromettendoci al momento opportuno di dare informazioni documentate doverose alla Città, ai tifosi ed al Comune. Oggi, questa società, ha l’obbligo morale di pensare di spingere più in alto possibile la squadra, bene primario riconosciuto dalla Città, verso un unico obiettivo e cercare soluzioni per il suo settore giovanile che sta operando in condizioni disagiate come tante altre società cittadine. La società continuerà a fare il Suo dovere verso i propri tesserati ed i propri fornitori, verso tutta la Città di Reggio Calabria ringraziando ancora una volta i suoi tifosi, i suoi sponsor, la stampa e tutti i cittadini che ci incitano, nonostante tutto, a non mollare, ad andare avanti anche se in tanti ci chiedono perché “ci siamo messi in questo fuoco”. Noi rispondiamo: per passione e per amore verso questa Città. Tutto ciò con grande umiltà, senza interesse, e sfido chiunque a dimostrare il contrario, e senza la pretesa che tutti lo possano capire“.