Palermo: rapinatore “tradito” da tatuaggio, due giovani in arresto

L’accusa è di avere compiuto nell’estate del 2014 una violenta rapina in una farmacia di Palermo

polizia-800x600La Polizia di Stato ha arrestato due giovani, Valentino Di Cesare di 27 anni e Francesco Spinnato di 26 anni, entrambi residenti allo Zen, con l’accusa di avere compiuto nell’estate del 2014 una violenta rapina in una farmacia di Palermo. Uno dei due arrestati, Di Cesare, è stato “tradito” da un tatuaggio sul braccio. In base alle indagini condotte dai poliziotti della sezione Investigativa del Commissariato San Lorenzo, guidato da Luca Salvemini, i due giovani “risulterebbero aver fatto parte del commando di rapinatori che, nel luglio 2014, riuscirono ad impossessarsi del contenuto della cassa della farmacia, circa 1.000 euro, dopo un’ irruzione in grande stile ed in pieno giorno“. “La minacciosa postura del Di Cesare servì a coprire l’azione di un complice ancora non identificato e capace, nel frattempo, di svuotare di 1.000 euro una cassa della farmacia ad attendere i due, con funzioni di ”palo” all’esterno della farmacia, almeno un altro individuo, appunto Spinnato Francesco“.