Osservatorio UnipolSai 2015 dedicato al risparmio: nell’incertezza del futuro i reggini pensano alla famiglia

Futuro economico incerto (41%), desiderio di poter mantenere l’attuale tenore di vita (28%) ma anche poter continuare ad aiutare i figli in caso di bisogno (26%); consapevolezza degli strumenti di risparmio disponibili (fondi pensione in testa con il 65%) e delle figure professionali a cui rivolgersi (60%). Questi i risultati dell’ultima ricerca dell’Osservatorio UnipolSai 2015, affidata a Nextplora che ha analizzato sensazioni e attese dei reggini legate al risparmio

PROVINCIALE perugiaPuntata dedicata al risparmio quella dell’ultimo Osservatorio UnipolSai 2015, dove emergono sensazioni dettate dal vissuto della crisi economica, la quale rimane impressa nella mente dei reggini anche alla luce dei primi segnali di ripresa. Lo scenario nazionale migliora: nel secondo trimestre del 2015 si è registrato un significativo segnale di miglioramento della spesa delle famiglie, (+0,4% di variazione, la più alta dal 2010) dovuta da un lato all’aumento del potere d’acquisto (+0,2%) e in parte anche attraverso un ricorso al risparmio, la cui propensione è scesa di 2 decimi di punto all’8,7% (dati Istat settembre 2015). I reggini tuttavia sembrano essere ancora cauti: un 41% afferma che il futuro dal punto di vista economico sarà sempre più incerto in quanto la crisi ha lasciato il segno, un altro 29% del campione è convinto che non si tornerà più ai livelli pre-crisi e avremo meno soldi a disposizione. C’è poi chi non è del tutto d’accordo e vede un futuro più sereno e in discesa con un po’ di attenzione al risparmio (12%). C’è infine chi è convinto che oltre allo Stato bisognerà pensare in prima persona mettendo da parte capitale (11%) e utilizzando forme di risparmio private (8%).

Cosa si desidera per il futuro. I reggini mostrano di avere le idee ben chiare: attraverso le forme di risparmio attivabili oggi il desiderio più inseguito risulta quello di poter mantenere l’attuale tenore di vita (28%) o perlomeno che sia sufficiente anche se inferiore all’attuale (11%), ma con uno sguardo costante sulla famiglia: il 26% infatti desidera poter continuare ad aiutare i figli in caso di necessità, un altro 16% vorrebbe invece non gravare su di loro quando aumenterà il bisogno di cure mediche e assistenza sanitaria.

Le forme di risparmio conosciute. La conoscenza in merito degli intervistati reggini è ampia: si va dai fondi pensione (65%) alle polizze vita (56%), passando per i fondi di investimento (42%) e i piani pensionistici individuali (40%). Chiudono il quadro generale la classica pensione (40%) e l’acquisto di immobili (38%).

Dove ci si informa. Come già rilevato dalla precedente ricerca dell’Osservatorio UnipolSai c’è la conferma che per avere le informazioni necessarie ci si rivolge a professionisti del settore. In particolare, per quanto concerne piani di risparmio personali, i reggini si affidano principalmente alla propria banca (38%), al proprio agente di assicurazione (22%) o ad articoli sui giornali (16%).