MessinAmbiente, la mancata retribuzione ai lavoratori diventa un caso politico

Ialacqua chiede ai colleghi della Giunta di verificare cosa sia successo, stante i continui ritardi registrati nelle spettanze. Calabrò, però, passa all’attacco e denuncia i lavoratori che hanno paralizzato la raccolta

messinambiente 6L’emergenza rifiuti vissuta dalla città esige un chiarimento immediato: ne è certo l’assessore Ialacqua, vicino ai dipendenti di MessinAmbiente che hanno paralizzato la raccolta. L’assessore all’Ambiente ha chiesto spiegazioni in merito ai continui ritardi nel pagamento delle spettanze, contestando il mancato aggiornamento del programma informatico denunziato dal duo Le Donne-Signorino e chiedendo di appurare se vi siano state o meno responsabilità amministrative da parte del Dipartimento. Frattanto, però, l’establishment della partecipata non vuol legittimare il blocco imposto dai dipendenti. Per questo motivo il commissario liquidatore, Giovanni Calabrò, ha inoltrato alle autorità competenti una denuncia per interruzione del pubblico servizio di raccolta: un atto che ha generato ulteriori malumori fra gli operatori della società di via Dogali.