Messina, carta canta: Vullo replica ai sindacati mostrando il curriculum

Il manager dell’Azienda Ospedaliera si difende e fornisce i titoli che giustificano il suo impiego ai vertici del Papardo

foto tratta dai social-network

foto tratta dai social-network

Il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Papardo, Michele Vullo,  ha smentito le illazioni sul suo curriculum e sulla presunta assenza di titoli per gestire la locale realtà sanitaria. La notizia, “totalmente infondata”, era stata insinuata nel discorso pubblico da una nota intersindacale, inviata dalle organizzazioni ANAAO-ASSOMED Regionale, UILFPL di Messina e UILFPL Medici di Messina. Vullo, per replicare alle accuse, ha voluto rendere pubblici i  certificati di servizio degli anni 2002-2011, attestanti i requisiti necessari al ruolo di Direttore Generale. Per quanto riguarda le candidature per l’inserimento negli elenchi dei Direttori generali, Vullo ha partecipato a 4 avvisi banditi dalle regioni Puglia,  Lazio, Sicilia e Calabria, dove le prime tre selezioni sono avvenute attraverso prove selettive valutate da una commissione formata da professori della  Bocconi e dell’Agenas, mentre l’esclusione calabrese è avvenuta nell’ambito degli uffici regionali. Vullo, reputando il contesto calabrese non  “interessato” alla sua presenza, non ritenne opportuno fare ricorso.