Mazzarrà, lo show di Bucolo: il suo “Nessun dorma” contro i magistrati [VIDEO]

L’ex sindaco si difende dalle accuse e racconta alcuni retroscena sulla sua esperienza in carcere

bucolo nessun dormaUn ritorno col botto: Salvatore Bucolo, già sindaco di Mazzarrà Sant’Andrea costretto alle dimissioni a seguito dello scioglimento per mafia del Comune, ha caricato un video sul proprio canale Youtube interpretando un breve tratto del Nessun Dorma di Puccini. Una trovata mediatica dal significato simbolico: “il primo giorno della mia carcerazione ho cercato di farmi conoscere a Gazzi per la mia passione per gli altri, ma anche per la lirica. Sono entrato cantando ‘Vincerò’ accompagnato dalla Guardia di Finanza di Messina, per un presunto peculato” ha rivelato l’ex primo cittadino , ammettendo di aver stretto rapporti coi tanti detenuti che ha incontrato durante il suo soggiorno presso la casa circondariale. Fra questi, ha precisato Bucolo, non c’erano solo delinquenti, ma anche persone perbene, ingiustamente carcerate e vittime di magistrati che hanno peccato di superficialità o hanno pensato, in coscienza, “di essere superuomini gestendo la libertà e di conseguenza la vita degli altri. Ci sono persone grandi nella lirica come Pavarotti, e nella magistratura come Falcone e Borsellino e tanti altri magistrati di cui non conosciamo i nomi, ma ci sono anche magistrati che hanno costruito la loro carriera politica demolendo la vita degli altri” ha ribadito Bucolo accennando al ruolo avuto da Di Pietro nell’operazione Mani Pulite. Rivendicando di non aver mai perso il sorriso, “neanche per un attimo”, Bucolo ha chiosato: “si può essere grandi uomini se si è pieni di umanità. Se no si può essere grandi, sì, ma grandi stronzi“.