Maxi blitz a Barcellona Pozzo di Gotto, ecco i NOMI dei 13 arrestati: sono pezzi grossi della “famiglia barcellonese”

I nomi delle 13 persone arrestate oggi tra cui Giuseppe Gullotti, storico leader della mafia barcellonese e altri esponenti di spicco del medesimo sodalizio criminale, per una serie di efferati omicidi commessi tra il 1993 e il 2012 nell’hinterland di Barcellona Pozzo di Gotto (ME)

arresto-con-manette1-300x250Dalle prime ore di questa mattina, è in corso da parte dei carabinieri del R.O.S. e del Comando Provinciale di Messina, un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Messina, Giovanni De Marco, a carico di 13 persone tra cui Giuseppe Gullotti, storico leader della mafia barcellonese e altri esponenti di spicco del medesimo sodalizio criminale, per una serie di efferati omicidi commessi tra il 1993 e il 2012 nell’hinterland di Barcellona Pozzo di Gotto (ME). Ecco i nomi dei soggetti:

  1. Calabrese Tindaro, nato a Novara di Sicilia (ME) il 03.09.1973;
  2. Calderone Antonino, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 27.05.1988;
  3. Calderone Antonino, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 18.08.1975;
  4. Caliri Angelo nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 21.04.1967;
  5. Chiofalo Domenico, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 30.09.1985;
  6. Chiofalo Salvatore, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 26.09.1989;
  7. Di Salvo Salvatore, inteso Sam, nato a Toronto (Canada) il 08.03.1965; 
  8. Giambo’ Carmelo, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 23.07.1971;
  9. Gullotti Giuseppe, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 10.10.1960;
  10. Mazzagatti Pietro Nicola, nato a Santa Lucia del Mela (ME) il 06.12.1960; 
  11. Micale Aurelio, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 30.04.1978; 
  12. Rao Giovanni, nato a Castroreale (ME) il 20.04.1961;
  13. Trifiro’ Carmelo Salvatore, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il nato a Barcellona P.G. l’11.05.1972.

Caliri Angelo e’ stato arrestato a Bruxelles in collaborazione con le autorita’ belghe, in esecuzione di un mandato di arresto Europeo emesso dall’GIP del Tribunale di Messina. Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica, Guido Lo Forte, e dai Sostituti Procuratori Vito Di Giorgio e Angelo Cavallo, hanno consentito di far luce su ben quindici omicidi (tra cui un triplice omicidio) e un tentato omicidio che, nell’arco di quasi un ventennio, hanno contrassegnato le dinamiche criminali della “famiglia barcellonese”, una delle espressioni piu’ temibili e organizzate della mafia in provincia, capace di mantenere rapporti qualificati con cosa nostra palermitana e catanese e con la ‘ndrangheta calabrese. L’operazione costituisce un ulteriore, importantissimo sviluppo dell’attivita’ di contrasto condotta negli anni dal R.O.S. e dal Comando Provinciale, sotto la direzione della Direzione Distrettuale Antimafia di Messina, che ha portato alla progressiva disarticolazione del sodalizio mafioso barcellonese ed alla collaborazione con la giustizia di molti affiliati le cui dichiarazioni, tra l’altro, hanno dato un contributo essenziale alle indagini confluite nel provvedimento di cattura.