In attesa dell’arrivo di Marco Tullio Giordana in Calabria, al via gli incontri propedeutici nelle scuole reggine con Alessio Praticò

locandina-70x100-totalSono iniziati ieri a Reggio Calabria gli incontri propedeutici per l’evento “il coraggio oltre la narrazione – la storia di Lea, le storie di chi non si arrende”: tre giorni con il regista Marco Tullio Giordana e l’attore Alessio Praticò in Calabria, cinque eventi pubblici per declinare, oltre il film, oltre la storia di Lea, il coraggio, la necessità di non arrendersi. L’attore reggino, che nel film Lea interpreta la parte del compagno-assassino Carlo Cosco, è arrivato prima sullo Stretto per poter interagire con gli studenti che venerdì 12 riempiranno l’auditorium Calipari del Palazzo del Consiglio regionale per dibattere, dopo la proiezione, con i relatori che affiancheranno Giordana e Praticò: il Procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero De Raho e il coordinatore regionale di Libera don Ennio Stamile. Moderato da Paola Bottero, l’evento reggino si aprirà con i saluti istituzionali di Nicola Irto, Presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria, Patrizia Nardi, assessore alla Cultura di Reggio Calabria, Enzo Russo, Reggio Cinema. Una mattina di approfondimento, ieri, al Liceo Scientifico da Vinci diretto da Giusy Princi, dove Alessio Praticò è tornato dopo 12 anni. Ad attendere lui e Paola Bottero la professoressa Giuseppina Catone, “rea” di aver accompagnato la classe di Alessio a vedere I cento passi. «Ero in seconda, ed allora andare a vedere un film significava innanzitutto la gioia di saltare un giorno di scuola» ha spiegato l’attore agli studenti delle terze e delle quarte classi che si sono dati il cambio nell’aula magna. «Ma quel film mi ha folgorato. E ritrovarmi, dopo più di un decennio, a fare i provini per quello stesso Marco Tullio che tanto ho amato da ragazzino, mi sembra ancora incredibile. Pensate cosa possa aver significato per me recitare sotto la sua guida, raccontando una storia così amara e così piena di coraggio della mia regione». Un dibattito intenso, in cui i ricordi personali si sono mescolati alla necessità di andare oltre la narrazione, di farsi domande, di capire la necessità di scegliere da che parte stare. Un dibattito che continuerà domani in altri due istituti, il Liceo Classico Campanella, con il professor Giovanni Mollica, e l’Itis Panella Vallauri, che ha già al proprio attivo un percorso didattico con ReggioCinema e con i registi Fabio Mollo ed Enzo Russo. Oltre all’approccio classico con la professoressa Raffaella Imbriaco, nominata dalla dirigente Anna Nucera responsabile dell’istituto per la legalità, è previsto anche un approfondimento tecnico, reso possibile dal particolare percorso di studio degli allievi. All’incontro di venerdì 12 saranno presenti infine gli studenti del Liceo Scientifico A. Volta, accompagnati dalla dirigente Angela Maria Palazzolo.

Il tour di Marco Tullio Giordana con Alesincontro liceo vincisio Praticò organizzato da Reggio Cinema, Cinema Gentile e sabbiarossa EDIZIONI (in collaborazione con Libera Contro le Mafie, la Presidenza del Consiglio della Regione Calabria, Anec, Agis Scuola, il Sistema bibliotecario vibonese, con il patrocinio dei cinque Comuni interessati dalle tappe programmate) inizierà giovedì 11 febbraio a Cittanova al Cinema Gentile, alle ore 10: dopo i saluti istituzionali di Francesco Cosentino, sindaco di Cittanova, Carlo de Gori, Reggio Cinema, Toni Fera, ass. comunale cultura, Francesco D’Agostino, vice Presidente del Consiglio regionale della Calabria, ci sarà la proiezione film Lea per le scuole, al cui termine seguirà il dibattito degli studenti con il regista Marco Tullio Giordana, l’attore Alessio Praticò, e don Pino Demasi, referente Libera Piana, Deborah Cartisano, referente di Libera Locride, Michele Albanese, giornalista, moderato da Paola Bottero. Gli appuntamenti continueranno come da programma, consultabile anche sull’evento Facebook “Marco Tullio Giordana in Calabria”.