Giornata della memoria all’Istituto Comprensivo “L. Chitti” di Cittanova (Rc)

SalarisNell’auditorium della scuola secondaria di primo grado dell’istituto “L. Chitti” parte l’esecuzione dell’inno d’ Israele, alunni e insegnanti si alzano in piedi e fa il suo ingresso nella sala Dova Cahan, scrittrice e regista ebrea nata a Bucarest, vissuta a lungo ad Asmara ed ora a Tel Aviv, autrice del libro “UN ASKENAZITA TRA ROMANIA ED ERITREA”. È iniziata così la giornata conclusiva del percorso fatto dai ragazzi della scuola per ricordare la Shoah. La manifestazione e’ stata organizzata dagli insegnanti, funzione strumentale per l’area alunni, prof. Giuseppe Salaris e prof.ssa Maria Iorianni, dell’istituto diretto dal prof. Antonio Sorace. L’incontro e’ stato lungamente preparato dagli alunni che, guidati dai docenti di storia, hanno sviluppato la tematica generale della Shoah. Nel corso dell’incontro sono stati proiettati i lavori realizzati dai gruppi di lavoro delle singole classi. È stata allestita una mostra con i simboli ebraici, poi descritti nel dettaglio nel corso dell’incontro con i ragazzi. Gli alunni speciali della scuola e i bambini della scuola primaria di San Pietro con una attivita’ laboratoriale, hanno realizzato una riproduzione in scala del campo di concentramento di Auschwitz. Sono stati letti brani tratti dal libro di Dova Cahan, nel quale la scrittrice racconta le vicende della sua famiglia, ed in particolare di suo padre, del quale ha lungamente parlato nel suo intervento e durante la fase in cui ha interagito con i ragazzi, rispondendo alle loro domande e soddisfacendo le loro curiosita’. Hanno collaborato alla riuscita dell’iniziativa Roque Pugliese, Domenica Sorrenti, Emanuela Foresta, Emanuele Sacca’ e l’associazione musicale “Ars Musica” di Oppido Mamertina , i musicisti Vincenzo e Francesco De Stefano che hanno eseguito, tra l’altro, “La Moldava” di Smetana per due pianoforti. La manifestazione si e’ conclusa nella soddisfazione generale con l’offerta del pane dello Shabbat. Nei mesi scorsi gli alunni hanno partecipato al concorso nazionale indetto dal MIUR “I giovani ricordano la Shoah” con un lavoro sulla censura intitolato “Libertà in Fumo – Dissenso e Potere” , selezionato dall’ufficio scolastico regionale della Calabria, per il secondo anno consecutivo, per partecipare alla fase finale.